Home / Lignano Sabbiadoro / aperitivo alle frecce, terremoto 2, twirling, getur, bandiera blu, centri estivi e altro

aperitivo alle frecce, terremoto 2, twirling, getur, bandiera blu, centri estivi e altro

Sabato 2 giugno alle Frecce

Iniziano sabato 2 giugno gli aperitivi alle Frecce Tricolori di Lignano Pineta; a partire dalle 18.00, aperitivo musica e allegra.

Bandiera blu…serve?

Oggi prendiamo spunto da una delibera del Comune, per parlare di una cosa che, assieme ai voti di Legambiente, francamente ci mette in atteggiamento dubbioso: la Bandiera Blu. La delibera del Comune stanzia la somma di 1.459 euro + iva per materiale vario a supporto della Bandiera Blu ( adesivi piccoli e grandi e stampe piccole e grandi ); oltre a questo la Bandiera ha dei costi iniziali per la raccolta dei dati e di rappresentanza per viaggi e altre spese accessorie, diciamo 10.000 euro in tutto. Non sono molti, ma Rimini e Riccione non hanno la bandiera blu, ma semplicemente perché non l’hanno richiesta. Riccione non la richiede da tre anni e Rimini non l’ha chiesta quest’anno. Si tratta, come si può capire di un riconoscimento che viene chiesto e, sulla base di parametri di legge già monitorati da altri Enti Pubblici, assegnato o meno. Insomma un bollino che serve a poco e nulla se è vero, come è vero che Riccione non ha avuto un tracollo di turisti negli ultimi tre anni senza bandiera blu. Certo male non fa, ma forse una “vera” classifica e certificazione seria e europea sarebbe da preferire, magari iniziando con la classificazione di TUTTI i settori e gli ambienti turistici, TUTTI.

Ad integrazione di quanto esposto, ecco una nota  che ci riguarda.

(ANSA) – TRIESTE, 31 MAG – Il Friuli Venezia Giulia attacca la confusione che regna tra le ”bandiere” che decretano la classifica delle localita’ turistiche e delle spiagge. L’attacco viene dal direttore di Turismo Fvg, Edi Sommariva, per il quale ”criteri di selezione approssimativi, assenza di protocolli di ricerca, campioni di interviste di cui si ignora quasi sempre la rappresentativita’ statistica, gettano profondi dubbi sulla validita’ di queste indagini”. L’ultimo caso e’ rappresentato dalle ‘bandiere verdi’ assegnate da ricercatori della Bicocca di Milano alle 41 spiagge piu’ amate dai bambini e dalle famiglie.

Comune e Getur

Lo aveva detto il neo Sindaco Luca Fanotto, di voler allargare la collaborazione con la GeTur e di ampliare la sinergia; detto e fatto sono stati stanziati ben 8.000 euro a favore dell’Associazione Waterpolo Development con sede a Francavilla al Mare (CH), a sostegno dell’organizzazione della manifestazione sportiva “Haba Waba International Festival” in programma dal 24 al 30 giugno 2012 presso la Ge. Tur di Lignano Sabbiadoro (UD). Ora tocca alla GeTur aprire le porte e diventare, come diceva Fanotto non una città dentro la città, ma un tutt’uno con essa.

Ancora contributi

Ne pubblichiamo due, a twirling e basket. All’A.S.D. Polisportiva Digiemme con sede a Campoformido (UD), concesso un contributo economico a supporto dell’organizzazione della manifestazione sportiva “4^ edizione Beach & Basket” in programma il 22-24 giugno e 29 giugno-1 luglio 2012 presso Piazza M. d’Olivo di Lignano Sabbiadoro; totale 5.500 euro. 1.500 euro invece all’A.S.D. Centro della Gioventù con sede a Lignano Sabbiadoro (UD), per l’organizzazione dell’iniziativa denominata “Esibizioni Estive del Gruppo Twirling” in programma durante la stagione estiva in diverse location a Lignano Sabbiadoro.

Centri Estivi ai lombardi

La gara per l’assegnazione dei Centri Estivi dei ragazzi di Lignano, per il triennio 2012-2014, è stata assegnata alla cooperativa sociale City service di Busto Arsizio (VA), per un costo unitario mensile di € 319,26 oltre all’Iva al 4%, per un costo complessivo relativo agli oneri sicurezza di € 900,00 oltre all’Iva al 21%, con un ribasso complessivo del 8,26 %, sulla base d’asta; è stato quindi deciso di impegnare, a favore della cooperativa sociale City Service , tenuto conto che la ditta introita direttamente le rette versate dalle famiglie, la somma di  € 93.000,00 per i tre anni. A perdere la gara la Coop. Itaca di Udine.

Stavolta sto con Lignano

Spesso si accusa Lignano di non realizzare manifestazioni a sufficienza, per interessare e corteggiare il turista, ma stavolta l’esempio che citiamo è al contrario, ovvero la spiaggia usata come promozione. L’articolo che sotto riportiamo praticamente dice questo: le aziende dei migliori prodotti eno gastronomici veneti, sfruttano la vetrina e la gente di Jesolo, Eraclea e Cavallino per spingere i loro vini, formaggi e salumi. A Lignano questo manca: poche ditte o consorzi sfruttano la vetrina turistica europea che potrebbero avere e non viene organizzata una vetrina del Tipicamente Friulano come sarebbe opportuno. Si faceva a Riviera fino a anni fa un qualcosa del genere, ma una serata tipo quella di Via dei Sapori a Grado o una vetrina dell’ERSA, non l’abbiamo mai vista. Nessun Consorzio DOC, o Piccolo Collio, o Dolegna a sette stelle o altra associazione sfrutta Lignano, e stavolta non è colpa di Lignano.

JESOLO VETRINA DEL “GUSTO VENETO”  da http://www.garantitaly.it/?p=2390

E’ stato presentato nella sede dell’Istituto “E.Cornaro” di Jesolo, il progetto “Gustaveneto”, promosso dal comitato Gustaveneto, in collaborazione con il Consorzio Veneto Chioschi. L’iniziativa, mirata a portare la cultura alimentare e del beverage veneta sui territori delle spiagge, pone come novità lo sviluppo dell’offerta del consumo di qualità sulla spiaggia. Agli ospiti dei litorali, infatti, sarà proposto un originale tagliere di formaggi e salumi tipici, accompagnato ai migliori prosecchi DOC e DOCG del Veneto. Questo progetto nasce dalla volontà di far conoscere i cibi, vini e distillati veneti a tutti i turisti italiani e stranieri presenti sui litorali, e sarà offerta in tutti i chioschi dei litorali di Jesolo, Cavallino-Treporti, Eraclea Mare, tutti i giorni dell’estate. “Dal nostro punto di vista questo è un bel messaggio di sistema”, ha affermato Fulvio Brunetta, Presidente generale Consorzio Prosecco DOC, “da una parte valorizziamo il nostro prosecco spiegando che questo si può trovare solo in bottiglia, dall’altro lo proponiamo attraverso dei canali, quali i chioschi, che saranno in grado di abbinarlo correttamente elargendo adeguate informazioni. Se per noi il territorio è sempre stato un grande valore, adesso con la nostra visibilità internazionale vorremmo restituire l’opportunità, rilanciando il nostro territorio e cercando di far vedere da dove nasce questo prodotto.” Il progetto accosta all’offerta dei prodotti tipici, l’informazione presente su ogni tovaglietta.

Disdette da Terremoto, di Luigi Damiani

Vorrei riprendere il discorso di ieri dove ritenevo utile che venissero fatti dei comunicati stampa alle redazioni estere dei giornali in particolar modo Austria e Germania per tranquillizzare coloro che volevano venire in ferie in Friuli, principalmente a Lignano. Qualcuno nei commenti non lo riteneva utile nei tempi e nella proposta. Oggi (ieri per chi legge) ho trovato su alcune testate cartacee e on line dichiarazioni preoccupanti di enti o istituzioni, riguardanti il turismo in Italia, visto quanto è accaduto con il terremoto in Emilia. Ne cito solo qualcuna. Sul Gazzettino on line le dichiarazioni di Massimiliano Schiavon, Presidente dell’associazione albergatori Jesolana , il quale dice che si sono rivolti alla regione Veneto e all’Enit affinchè utilizzino i loro canali per spiegare che il territorio jesolano non è a rischio viste le disdette arrivate all’associazione dall’estero. Sempre sul Gazzettino on line, psicosi del terremoto anche a Bibione, disdette e richieste di informazioni da Austria e Germania, seguono le dichiarazioni di Giovanni Mazzarotto presidente di Bibione Live, consorzio di promozione turistica. Corriere di Como allegato cartaceo al Corriere della sera, dal titolo “il sisma fà calare le prenotazioni, disdette dopo il terremoto”. Confcommercio Como “informare e tranquillizzare”. Il presidente degli albergatori lariani Roberto Cassani dichiara che sono arrivate disdette soprattutto dall’estero e oltre oceano. Alla luce di questo che è facilmente controllabile, avendone citate le fonti, mi sembra che il mio intervento di ieri non sia stato ne avventato ne azzardato, sul fatto di informare all’estero l’estraneità di Lignano e del Friuli ai fatti del terremoto in Emilia. Qualcuno come Iesolo e Bibione si sono già attivate in questo senso. Probabilmente la mia attenzione sui fatti anche a livello professionale è diversa, e i relativi interventi sono più dinamici del pensiero di altri. Sono comunque contento che altre persone di località turistiche vicine o lontane la pensino come me e si siano già attivate per affrontare il problema. Io penso che a Lignano manchi la capacità e la immediatezza nell’intervenire in particolari situazioni. Della serie “aspettiamo e poi vediamo e poi….forse interveniamo” Sarei curioso di sapere quante disdette e richieste di informazioni sono arrivate a Lignano dall’Austria e dalla Germania al Consorzio turistico, alle agenzie, etc. in questi giorni. Probabilmente nel mio intervento di ieri sono stato lungimirante. Non si tratta di speculare sulle disgrazie altrui, ma di dare informazioni corrette, e tutelarsi da eventuali speculazioni che possono essere fatte da concorrenti nel turismo in altri stati come Croazia e Spagna etc. Lignano e Turismo FVG hanno il dovere di informare e rassicurare sulla situazione del territorio, in quanto se non si interviene, ci sarà senz’altro un calo importante degli arrivi e delle presenze, dato che comunque il calo ci sarà, sarebbe opportuno perlomeno arginarlo. Io sono sempre più convinto che ci sia una mancanza di capacità di comunicazione sia a livello locale che a livello di enti come Turismo FVG. Facile chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati, e dare giustificazioni poco credibili. Luigi Damiani

Guarda anche

CECILIA SCERBANENCO DA MILANO A LIGNANO SABBIADORO

Traduttrice, laureata in filosofia medievale, figlia di Giorgio Scerbanenco scrittore e giornalista che non ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *