Home / Lignano Sabbiadoro / ballo liscio, turismo in appartamento, arrigo cipriani, riviera in festa, bibione, commissione, scuole accorpate

ballo liscio, turismo in appartamento, arrigo cipriani, riviera in festa, bibione, commissione, scuole accorpate

Andate a ballare per favore

Dopo i flop delle prime serate di Ballo Liscio all’Arena Alpe Adria, forse anche consapevole di essere a rischio taglio per il 2013, l’agenzia incaricata dal Comune di allestire le serata di ballo liscio sotto le stelle, ha diffuso una grande quantità di volantini, con gli ultimi appuntamenti che sono per il 25 luglio, il 1 e l’8 agosto. Ingresso gratuito ed inizio ballo alle 21.00. Però aveva capito tutto Fred Bongusto nel 1963 quando cantava… “ una rotonda sul mare..”  Sul mare, appunto.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Arrigo Cipriani giovedì 19 luglio alle ore 18.30 al PalaPineta nel Parco del Mare a Lignano Pineta per il sesto appuntamento della 14° edizione degli “Incontri con l’autore e con il vino” estate 2012. Lo scrittore e giornalista  Alberto Garlini ha introdotto Arrigo Cipriani evidenziando  la sua figura di titolare dell’Harry’s Bar, ma anche l’ ultimo suo lavoro come scrittore. Infatti ha voluto cimentarsi in un romanzo d’amore dal titolo “Non voglio far del male a nessuno”nel quale la storia d’amore è solo uno spunto per parlar di sentimenti e divagare sulle “cose della vita”. Inevitabilmente però nucleo della conversazione è stato il libro “Prigioniero d’una stanza a  Venezia” edito nel 2009 , dove protagonista è il famoso locale veneziano. Con generosità Arrigo Cipriani ha raccontato i punti salienti della sua vita sia come figlio del creatore del famoso locale veneziano e sia come direttore dello stesso da oltre cinquanta anni, ponendo l’accento su quanto hanno contato per la sua formazione i contatti con tutta quella parte dell’aristocrazia italiana ed estera frequentatrice del locale. Un racconto, che pur non essendo nuovo, ha conquistato il numeroso pubblico che lo ha applaudito con calore.  E’ iniziata poi la parte enologica della serata  affidata all’esperto di vini Giovanni Munisso, che ha presentato il Consorzio  Tutela Vini DOC Friuli Latisana insieme al titolare dell’ azienda “Isola Augusta” Massino Bassani. Alla mescita del Friulano 2010 il sommelier Aldo Bini. Oltre una trentina di vacanzieri hanno  poi proseguito la serata in compagnia di Arrigo Cipriani e gli altri ospiti nella cena di pesce con degustazioni di altri vini dell’azienda Isola Augusta svoltasi al ristorante “Al Cason” in viale dei Continenti 167  di  Lignano Riviera. Grazie per la collaborazione. Cordiali saluti . Giorgio Ardito

Riviera in festa

Dal 24 al 26 luglio, serate di animazione e giochi per bambini a Lignano Riviera; organizza la ass. Raziel di San Michele al Tagliamento.

Commissione paesaggio cercasi

Se volete fare domanda per essere nominati membri della Commissione Comunale per il Paesaggio, rivolgetevi in Comune entro il 1 agosto alle 12.00

Dal Comune riceviamo e volentieri pubblichiamo

“È incomprensibile come tali provvedimenti non siano stati direttamente notificati ai Comuni coinvolti.” Le parole del sindaco di Lignano Luca Fanotto giungono successivamente alla notizia che, a seguito dell’approvazione del decreto sulla spending review, è stato innalzato a 600 il numero degli alunni per il mantenimento del Dirigente scolastico e Direttore dei servizi amministrativi.  L’Istituto Comprensivo di Lignano Sabbiadoro conta 570 unità e quindi per solo 30 unità verrebbe a perdere la figura del Dirigente, subendo una inaccettabile compressione della propria autonomia. Una situazione che preoccupa il primo cittadino per diversi motivi che ha già avuto modo di spiegare: non si potrà contare sulla presenza costante di una persona responsabile dei servizi scolastici sul territorio, non si conosce l’Istituto al quale verrà assegnata la Dirigenza, mancherà una figura di coordinamento del personale scolastico in grado di predisporre una progettualità a lungo termine e che abbia una conoscenza puntuale delle molteplici situazioni del territorio, degli allievi e degli insegnanti e l’offerta formativa non sarà paragonabile alle realtà limitrofe, a scapito della garanzia di qualità. “Non vorremmo – continua il sindaco – che accadesse come per la situazione legata alla giustizia (accorpamento del Tribunale di Palmanova), per cui il territorio della Bassa Friulana subirà un forte ridimensionamento delle sue prerogative, ci mobiliteremo quindi a tutti i livelli affinché questo non succeda.”

Turismo, quali le vie da percorrere

La crisi ha colpito duramente tutto il comparto turistico nazionale; se da noi si piange, al sud (Tropea per fare un esempio) ci si dispera, dal calo che si assomma al calo dell’anno scorso. Si possono fare, per Lignano, alcuni ragionamenti partendo da un paio di punti fermi: gli alberghi tengono soprattutto nel fine settimana, gli appartamenti crollano, segnatamente quelli meno confortevoli e vecchi. Il turismo è cambiato, e pochi ormai vengono in vacanza per stare peggio che a casa, e se a casa sono messi male, le vacanze proprio non le fanno. Occorre reinventarsi quindi una offerta per il ceto medio che utilizzi la grande quantità di appartamenti e villette. La soluzione, a mio avviso, è quella prospettata dai villaggi verticali o dagli alberghi diffusi. In sostanza, semplice, si tratta di trasformare gli appartamenti in camere con servizi, di creare un luogo di accentramento per colazione, ufficio, reception ed informazioni, e di dare dei servizi aggiuntivi quali la pulizia delle camere, il cambio della biancheria, la colazione e dei luoghi comuni tipo hall, piscina, palestra, sala fitness ecc.ecc. La formula villaggio applicata a case sparse, la formula albergo applicata a unità vicine ma non unite. Idea difficile? ..l’alternativa è vedere le tapparelle chiuse.

A Bibione fanno anche questo.

Si fa massaggiare in spiaggia a Bibione: turista straniera multata di cento euro. La sanzione della polizia locale a una sessantenne slovacca,stessa contravvenzione alla giovane cinese per pratiche vietate

VENEZIA – È stata staccata sulla spiaggia di Bibione (Venezia) la prima multa in Italia che punisce chi si fa massaggiare in spiaggia. Gli agenti della polizia locale che ha annunciato il “primato”, hanno multato una turista che si stava facendo massaggiare da una ragazza cinese. Per la turista, una sessantenne slovacca in vacanza in Italia, è scattata la sanzione di 100 euro mentre per la massaggiatrice, oltre un’analoga sanzione vi è stata anche la confisca delle attrezzature: olio e materiale pubblicitario, utilizzate per l’attività. Attualmente in Veneto solo Bibione ha iniziato la battaglia con un apposito regolamento, approvato dal consiglio comunale a fine giugno con la quasi unanimità anche delle minoranze, non solo contro chi esegue ma anche per chi accetta i massaggi.  «Vi sono specifiche direttive del ministero della Salute – spiega la polizia locale – che chiedono di agire contro i massaggi, eseguiti senza alcuna garanzia di igiene e possibile causa di infezioni alla pelle. I turisti sono attirati spesso dal prezzo del massaggio, circa 20 euro per 40 minuti di prestazione ma non sanno cosa rischiano».

Guarda anche

CECILIA SCERBANENCO DA MILANO A LIGNANO SABBIADORO

Traduttrice, laureata in filosofia medievale, figlia di Giorgio Scerbanenco scrittore e giornalista che non ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *