Home / Lignano Sabbiadoro / chissene.., ballo e altro da 60 milioni, ufficio stampa, bianco e nero, lignano in moda e incontro di giovedì….

chissene.., ballo e altro da 60 milioni, ufficio stampa, bianco e nero, lignano in moda e incontro di giovedì….

Ballo liscio da 24 mila euro

Il Comune ha deciso di affidare ad una agenzia di Campoformido, l’incarico di organizzare cinque serate di ballo liscio nell’Arena Alpe Adria, per la somma di 24.200 euro. Ora non entriamo nel merito della spesa, ma ci fermiamo un attimo prima: il Comune ha il dovere di far ballare i turisti? O dovrebbe competere alle varie imprese turistiche pubbliche e private? Cosa resterà a livello di promozione turistica? Speriamo almeno che la gente si diverta, ma l’impressione è che si facciamo queste serate solo per dare un senso all’Arena, che così com’è non ha alcun senso.

Piano Bar da 5.500

Altro contributo erogato e quello all’Associazione Culturale “La leggenda del Santo Suonatore” di Moruzzo; il contributo per la serata finale del “PianoBar Festival” che si terrà il 20 agosto all’Arena Alpe Adria. Io vedrei tutte queste cose in spiaggia, vicino al centro di Sabbiadoro o Pineta, non in quel posto lontano che è appunto l’Arena.

…e Fiati da 3.500

Ancora un contributo, stavolta di 3.500 euro, per una serie di iniziative musicali da realizzarsi durante tuta la stagione estiva in diversi luoghi di Lignano, a cura dell’Associazione Bande Musicali Autonome della Provincia di Udine. Pensate su tre delibere, 33.000 euro, che son sempre più di 60 milioni di lirette: c’è da rivedere la tipologia delle scelte da fare. O si fa animazione o si fa promozione

Marco Salvador giovedì 12 luglio alle ore 18.30 al PalaPineta nel Parco del Mare a Lignano Pineta per il quinto appuntamento della 14° edizione degli “Incontri con l’autore e con il vino” estate 2012

Sarà lo storico Marco Salvador e non Toni Capuozzo partito improvvisamente per il Sudan, l’ospite di giovedì 12 luglio al PalaPineta di Lignano Pineta al quinto appuntamento degli Incontri con l’autore e con il vino. Ecco una traccia del suo romanzo “Il sentiero dell’onore” edito da Piemme. Il Patriarcato di Aquileia, uno dei più antichi e importanti stati del Medioevo italiano, è minato dalle divisioni interne, dalla sete di potere di nobili e mercanti, dalla corruzione politica e dall’usura dilagante. Nonostante ciò, il giovane patriarca Giovanni di Moravia sogna di riportarvi unità, pace e giustizia. Un sogno condiviso da Guido, l’ultimo discendente di Ezzelino da Romano, che gli sta accanto con la spada e con il cuore a dispetto di complotti, intrighi e congiure; sempre attento a non dimenticarsi che l’onore consiste nel porre il bene comune prima del proprio e che la cavalleria è soprattutto il dovere di difendere i più deboli e i più umili. Così inizia una saga famigliare che, nell’arco di un secolo e mezzo, fa rivivere gli ultimi anni del Patriarcato, la sua caduta e l’asservimento a Venezia; fino alle rivolte del 1511, quando disperate masse contadine cercheranno con le armi di ottenere un po’ di giustizia. Una saga insanguinata da guerre, da incursioni turchese e dall’arroganza di chi crede di essere padrone di altri uomini per diritto divino, ma addolcita da donne indimenticabili e in grado, grazie alla loro straordinaria capacità di amare, di trasformare in vittorie le sconfitte degli uomini. Una saga avvincente, a dispetto di un sottile disagio nel sentirsi in qualche modo davanti a uno specchio seppur lontano della nostra società. La serata sarà aperta dai saluti del vicesindaco e assessore alla cultura del Comune di Lignano Sabbiadoro Vico Meroi.    A condurre la presentazione del libro ci sarà come di consueto lo scrittore e giornalista Alberto Garlini. La parte enologica della serata è affidata all’altrettanto inossidabile l’esperto di vini Giovanni Munisso, che presenta il Consorzio di Tutela Vini DOC Isonzo insieme al titolare dell’azienda vitivinicola Silvano Ferlat di Cormons. Alla mescita del Malvasia “Grame” 2010 il sommelier Aldo Bini. La cena di pesce con degustazioni dei altri vini dell’azienda Silvano Ferlat si terrà al ristorante Marina Lounge in via Scerbanenco a Marina Punta Verde a Lignano Riviera. Un ringraziamento a coloro che sostengono la manifestazione “Incontri con l’autore e con il vino” e le iniziative collegate; le istituzioni: ERSA Agenzia regionale per lo sviluppo rurale, Città di Lignano Sabbiadoro, Provincia di Udine, le aziende Società Lignano Pineta, Libreria SA.RI., Marina Punta Verde, Marina Uno, Hotel President Lignano, Dersut Caffè, SAF Autoservizi, MD Frigoservice, Friulpesca, Sorveglianza Gruppo Nuova Veneta, Acqua Dolomia, Panificio Gobbato, Ombrellificio Toscano e Radio Fantasy.

Grazie per la collaborazione. Cordiali saluti . Giorgio Ardito

Contributi, di Luigi Damiani

Oggi 9 luglio è stato presentato in Regione alla presenza del Governatore Tondo l’evento Bianco & Nero che si terrà a Udine. Per questo evento la Regione ha elargito un contributo ad una società privata dal nome Bianco & Nero ben 400 mila euro per la realizzazione dell’evento , anche dietro la spinta della Seganti, assessore regionale alle attività produttive e turismo. Cerchiamo di fare un punto per chi non conosce la storia. Bianco & Nero è un evento alla terza edizione, dopo che è stata saltata quella dell’anno scorso. Bianco & Nero è un marchio registrato da Claudio Tognoni ex responsabile MKTG di Turismo FVG, dove anche la corte dei conti è intervenuta sotto alcuni aspetti sul suo operato-  Bianco & Nero è anche  Massarutto persona molto conosciuta nel tarvisiano perchè presente in associazioni del luogo e marito della Elmi. Tognoni per chì non ricorda è stato anche il responsabile marketing degli European Masters Games di Lignano dell’anno scorso. Evento definito anche European Masters FLOP, visti i risultati ottenuti in iscrizioni, presenze , comunicazione e sponsor. Si è ancora in attesa di vedere dalla Seganti i bilanci analitici consuntivi dell’evento che sembra sia costato 5 milioni di euro, con un ritorno insignificante sotto tutti gli aspetti, basta chiederlo agli operatori di Lignano. Ma ritorniamo a Bianco & Nero e ad i 400 mila euro elargiti dalla Regione a questa società privata. Diciamo  che la LISAGEST che è la società che gestisce la spiaggia , la darsena, e gli eventi di Lignano ha ricevuto dalla regione 450 mila euro, cifra insignificante se pensiamo a quanto è stato dato a Bianco & Nero. Ricordo inoltre che la LISAGEST è per il 51% a partecipazione pubblica, Regione Friuli VG, Camera di commercio, Comune di Lignano e comuni limitrofi. Ricordo che Lignano ha circa 4 milioni di presenze e una storia di turismo alle spalle di oltre 50 anni, calcolando da quando è diventata comune scindendosi da Latisana, mentre l’evento privato Bianco & Nero è alla terza edizione, neanche consecutiva e non abbiamo storia di presenze e pubblicità di bilanci. In proporzione la Lisagest dovrebbe avere contributi regionali assai superiori. Allora mi chiedo se questo è giusto!!! Lignano, Latisana con Aprilia Marittima, ed il comprensorio lagunare di Marano avrebbero più diritto sotto tutti gli aspetti di avere cifre di contributi più importanti dalla Regione, visto anche l’importanza turistica delle località. Se la Regione può permettersi di dare 400 mila euro a Bianco & Nero, società privata, che tra l’altro avrà anche gli incassi dei biglietti ed altre entrate, allora mi chiedo se viene rispettato il principio di equità. Probabilmente e me lo auguro, che quello di quest’anno sarà l’ultimo contributo che prenderà Bianco & Nero dalla Regione, in quanto a primavera 2013 ci saranno le elezioni regionali, e Tondo e la Seganti credo che non ci saranno più. Dimenticavo , Tognoni e Massarutto sono entrambi di Tarvisio, Tondo di Tolmezzo, qualche sospetto galleggia.!!!! Luigi Damiani

Ufficio Stampa 2013

Ricevendo parecchi comunicati, nei vari siti con i quali collaboriamo ( www.latisana.it, www.friuli.org e www.mondodelgusto.it)  abbiamo imparato ad apprezzare certi uffici stampa e ci permettiamo di sottoporre al Comune di Lignano Sabbiadoro una nostra riflessione. Il turismo di Lignano non può prescindere dall’entroterra e dalle attività che vi si svolgono; ci sono poi i richiami legati al turismo di nicchia che possono essere interessanti per i turisti di Lignano, anche se lontani. Facciamo due esempi: la manifestazione Aria di Festa di San Daniele del Friuli, che celebra il prosciutto, può essere utile anche ai turisti di Lignano, che si possono attrezzare per una gita o un fine settimana misto mare-prosciutto-colline. Il centro dei Mosaici di Spilimbergo merita una visita ed una gita, ovviamente magari con base Lignano. Dico questo perché Lignano dovrebbe realizzare un ufficio stampa che raccoglie le indicazioni da tutti gli operatori turistici: dalla Getur alla Lignano Pineta, da Aprilia Marittima a Precenicco, dalla SIL a Muzzana, dai singoli alberghi alla biblioteca e all’UTE ecc.ecc. Tutti dovrebbero fare riferimento a questo ufficio il quale, a sua volta, dovrebbe produrre giornalmente un comunicato diviso per ambiti: sport, turismo, amministrazione, cultura spettacoli ecc ecc. e mantenere i rapporti con i giornali nazionali, locali , televisioni e radio, ed anche coi più importanti blogger del mondo e d’Europa. Questo prescinde dalle persone, che possono essere anche le stesse. L’importante è avere un progetto e delle idee, e poi naturalmente soldi per gestirle.

Foto scattate durante la sfilata di “Lignano in..Moda” – sabato 7 luglio –

Beach Village. (foto Valter Parisotto). Nel corso della sfilata, presentata da Michele Cupitò, con la regia di Paola Rizzotti, si sono potuti ammirare i capi proposti dai finalisti di “Moda d’Autore” e le collezioni presentate da commercianti di Lignano e del suo comprensorio.

Dal Messaggero

Apprendiamo che il personaggio Fabrizio Corona è tornato tardi in albergo ed è stato denunciato in quanto aveva l’obbligo di rientrare entro l’una. E un bel  chi se……..a? No??

Guarda anche

CECILIA SCERBANENCO DA MILANO A LIGNANO SABBIADORO

Traduttrice, laureata in filosofia medievale, figlia di Giorgio Scerbanenco scrittore e giornalista che non ha …

2 commenti

  1. Non esprimo parere sui contributi dati perché altrimenti divento davvero volgare,ma non capisco come mai vengono organizzati all’arena solo spettacoli cosi mediocri e “INUTILI”!!!Il ballo liscio?ma dai per favore,a chi interessa??????Sabato scorso ero al concerto di Ligabue a cividale,eravamo in un parco con attorno una recinzione in ferro e qualche casa con le persone che ascoltavano dalle terrazze.Questo per dire che mi sono immaginato un concerto del genere in un posto come l ‘arena alpe adria!Non ditemi che non si puó fare perché una volta vi era ogni tipo di concerto e di evento(festivalbar)!Ma forse é meglio é meglio organizzare il liscio!GIÁ!!!!!!!

  2. luigio-damiani

    Luigi Damiani. Putroppo l’Arena Alpe Adria non è più confacente alle esigenze attuali, quindi bisognerà fare un pensiero per il futuro. Magari domani o nei prossimii giorni vedrò di affrontare anche questo argomento. Credo che bisogna affrontarlo con serietà e guardando al futuro. Sui Contributi dati a pioggia ci sarebbe molto da dire. Comunque sarà mio impegno affrontare anche questo problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *