Home / Lignano Sabbiadoro / economia sotto l’ombrellobe, notte rosa 2

economia sotto l’ombrellobe, notte rosa 2

Al via sabato 14 luglio la seconda edizione di “Єconomia sotto l’ombrellone”

Dopo il successo della prima edizione, torna anche quest’anno al PalaPineta nel Parco del Mare di Lignano Pineta “Єconomia sotto l’ombrellone” la rassegna di tavole rotonde che porta nella principale località turistica del Friuli Venezia Giulia numerosi protagonisti del mondo economico-imprenditoriale regionale e nazionale per dibattere in maniera informale alcuni dei temi dei temi economici di maggiore attualità. L’iniziativa ideata e organizzata dall’Associazione Lignano Terzo Millennio e dal giornalista Carlo Tomaso Parmegiani che modererà tutti gli incontri, per la seconda edizione si arricchisce di un appuntamento: saranno quindi quattro i sabati consecutivi durante i quali a Lignano si parlerà di economia in modo più semplice e meno paludato di quanto non avvenga nei tradizionali convegni. La non facile situazione del commercio in regione e in Italia, fra modifiche legislative e calo dei consumi, sarà al centro dell’incontro d’apertura dell’edizione 2012. Infatti, sabato 14 luglio dalle ore 18.30, sul palco del PalaPineta, Andrea Cumini di Confcommercio Udine, Sergio Marini di Confesercenti Udine e Giuliano Pellizzari della società di consulenza strategica Sottopensiero, si confronteranno sul tema “Quale futuro per il commercio in Friuli Venezia Giulia e in Italia?”. Dopo una tavola rotonda fra i relatori di circa un’ora, sarà dato spazio per circa trenta minuti alle domande del pubblico e, quindi, l’incontro si concluderà con un aperitivo durante il quale i presenti potranno conoscere e conversare liberamente con i protagonisti della serata.

“Єconomia sotto l’ombrellone” proseguirà per 3 sabati di seguito con diverse tematiche economiche.

Sabato 21 luglio il tema sarà “Investire nel 2012-2013, quali prospettive?” e a confrontarsi sull’argomento saranno Mario Bianchi della Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia, Alfredo Silvestrini di Azimut Sim e  Cesare Strisino della Banca Rothschild.

Sabato 28 luglio, invece, si dibatterà di “Internazionalizzazione Vs delocalizzazione” e a parlarne saranno tre imprenditori le cui aziende stanno vivendo da tempo importanti fasi di crescita sui mercati esteri e di apertura di succursali stranieri. I tre ospiti sul palco saranno: Attilio Imi di Trafimet Spa Luigino Pozzo di Pmp Industries e Alessandro Vrech della Marmi Vrech.

Infine il quarto appuntamento della seconda edizione di “Єconomia sotto l’ombrellone”, sabato 4 agosto porterà virtualmente il pubblico in giro per l’Europa, grazie alla presenza sul palco di tre friulani che vivono e/o lavorano abitualmente al di fuori dei confini nazionali e che parleranno dell’“L’Italia vista dall’estero”. Si tratta di Michele Cortese  della Societè Generale di Parigi, di Roberto Corciulo di IC & Partners Group, società udinese di consulenza con molti uffici all’estero e di Omar Zaghis della Cleopatra Consulting di Londra.

L’edizione 2012 di “Єconomia sotto l’ombrellone” gode del contributo e del patrocinio del Comune di Lignano Sabbiadoro, del patrocinio di Camera di Commercio di Udine, Turismo FVG, Confindustria e del sostegno economico di La Compagnie Financiere Edmond De Rotschild Banque, Lignano Pineta spa, ITAS Assicurazioni, Ombrellificio Ramberti, Porto turistico Marina Uno, Demar Caffè e Hotel President.

PROGETTO “Єconomia sotto l’ombrellone”

Il progetto. Il progetto “Єconomia sotto l’ombrellone” è nato nell’estate 2011 osservando la crescente attenzione riservata, da parte dell’opinione pubblica italiana, alle tematiche economiche in un momento, certamente non facile, ma foriero di importanti cambiamenti e di significative innovazioni che potranno, di qui a qualche anno, modificare radicalmente il sistema delle relazioni economiche e sociali come lo abbiamo fin qui conosciuto. L’obiettivo di è di portare a Lignano alcuni protagonisti del mondo economico-imprenditoriale regionale e nazionale, per dibattere, in maniera informale e meno paludata di quanto non avvenga nei consueti convegni economici, su temi predefiniti che abbiano come sfondo la situazione economica presente e futura. Ciascun incontro, vedrà sul palco (oltre al moderatore) 3 ospiti. Il dibattito sul tema prescelto durerà 60-70 minuti per dare successivamente spazio alle domande (non interventi) del pubblico, per ulteriori circa 30 minuti. Al termine dell’incontro sarà predisposto un aperitivo per consentire al pubblico stesso di incontrare, in maniera informale e conviviale, i protagonisti del dibattito. La seconda edizione dell’iniziativa è ospitata nella struttura polifunzionale “PalaPineta” all’interno del Parco del Mare a Lignano Pineta, e prevede quattro appuntamenti.

Promocomunicazione, di Luigi Damiani

Riprendendo l’articolo di ieri sulla Romagna e la notte rosa volevo solo dire quanto  importante sia fare promocomunicazione e studiare eventi che diano la possibilità di intervenire sui media, televisioni, radio, stampa italiana ed estera. Lignano ha la fortuna di essere insieme a Grado e Bibione una delle prime spiagge che si incontrano arrivando dal nord e dall’est Europa, però poco viene fatto per promuovere la nostra località. Viene fatta qualche fiera all’estero, qualche work-shop con tour-operator, poi c’è la Bit di Milano, dove però Lignano non ha una grande visibilità nel contesto del mega stand fieristico, anche perchè si trova mescolata con altre località regionali che hanno una bassissima potenzialità turistica. Non dico che queste località non devono esserci, ma diamo il giusto spazio in funzione ai valori e alle presenze.  Dovrebbe essere la Turismo FVG che  ha il dovere e i soldi per fare attività di promocomunicazione, ed individuare i canali migliori, che diano risultati concreti. Quest’anno a mio avviso con la crisi economica, si doveva puntare molto sugli italiani, fare iniziative promozionali di categoria, dare incentivi al fine di far arrivare turisti italiani nella nostra località in modo particolare da quelle regioni che hanno un potenziale sociale- economico maggiore. Si stà invece puntando anche giustamente  sulla Germania , l’Austria e l’Est Europa che però ci pone in concorrenza con Croazia e da quest’anno con la Grecia per questioni di prezzi. Come dicevo nel pezzo di ieri, sabato su LINEA BLU sul primo canale rai ci sono stati 50 minuti, dalle 14 alle 15, compresa pubblicità dedicati alle località della Riviera Romagnola, praticamente tutte. Linea Blu è una delle trasmissioni del palinsesto Rai che fà importanti numeri di share. Poi fatta in questo periodo può dare indicazioni a chi non ha ancora deciso dove fare le vacanze. La costruzione e realizzazione della trasmissione è stata encomiabile, sia per la qualità dei servizi che per il tipo di offerta. Ma non basta , sabato come tutti i giorni ho comprato il Corriere della Sera, che ha il sabato in allegato  la rivista IO Donna, e scopro che all’interno di Io Donna c’è un inserto  PRONTO VACANZE.net della Romagna con servizi sul territorio e varie offerte promozionali sugli alberghi. Mi sembra corretto dare dei numeri, in quanto non tutti sanno quali sono le tirature dei giornali. L’allegato al Corriere della Sera -IO Donna settimanale del sabato, venduto in abbinata ad 1,50 euro ha una tiratura di 656.000 copie e una diffusione di circa 502.000 copie, dati FIEG. Il che vuol dire che l’inserto è entrato in almeno 500.000 famiglie italiane che leggono il Corriere della Sera e il suo allegato Io Donna. Teniamo anche presente che all’interno della famiglia il responsabile d’acquisto è la donna e questo vale anche per le vacanze. Non vorrei essere logorroico, ma quando dico di riflettere sulle strategie di comunicazione promozione di Lignano e del Friuli, forse ho qualche ragione. Le cose sono due: o Turismo Fvg comincia a fare seriamente comunicazione e promozione per Lignano, oppure è meglio che i soldi per la comunicazione vengano dati a Lignano e che vengano gestiti direttamente con investimenti in promocomunicazione mirati. Non è pensabile che una Lignano che fà circa 4.000.000 di presenze, circa la metà di tutte le presenze della regione, venga trattata alla stessa stregua di una località di secondo o terzo livello della regione. Attraverso questo sito e attraverso i miei articoli, penso e voglio sensibilizzare tutte le associazioni di categoria, l’amministrazione comunale , il suo assessore al turismo, la stessa Turismo fvg, a riflettere sul prossimo futuro turistico di Lignano. Ma questo vale anche per Grado e per la montagna . Si potrebbero creare anche delle sinergie di comunicazione sia con Grado come con la montagna. Si possono attuare progetti di promocomunicazione che possono  essere di interesse comune. Ritornando a Lignano credo che il tempo di aspettare sia finito, bisogna pensare già da subito alla prossima stagione, anche perchè bisogna fare dei programmi sia a breve che a medio che a lungo termine. Non ci si può ridurre all’ultimo momento a fare le programmazioni, bisogna che coloro che sono preposti a questo si impegnino a lavorare da subito. La stagione attuale probabilmente sarà da dimenticare in termini di risultati economici e di presenze e questo dovrebbe essere un fortissimo campanello d’allarme per agire subito. Luigi Damiani

Guarda anche

CECILIA SCERBANENCO DA MILANO A LIGNANO SABBIADORO

Traduttrice, laureata in filosofia medievale, figlia di Giorgio Scerbanenco scrittore e giornalista che non ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *