Home / Lignano Sabbiadoro / La Domenica del Cocal: Messattino della settimana; Damiani (Ticket); Ponte girevole; Lignano a Rimini; Musica country; Nordic Walking; previsioni meteo; Laguna 2.0; Festa delle Cape e Una Mano per Vivere;

La Domenica del Cocal: Messattino della settimana; Damiani (Ticket); Ponte girevole; Lignano a Rimini; Musica country; Nordic Walking; previsioni meteo; Laguna 2.0; Festa delle Cape e Una Mano per Vivere;

Previsioni meteo a cura di Gabriele Mamone(appassionato e collaboratore)

SITUAZIONE GENERALE: almeno fino a martedì saremo protetti da un area anticiclonica che garantirà condizioni di tempo stabile e mite nelle ore centrali del giorno, nei bassi strati e al suolo affluiranno anche moderate correnti di bora specie domani.   DOMENICA 8 MARZO: avremo una prevalenza di cieli sereni o poco nuvolosi con aria secca e venti di bora moderati o sostenuti, possibili raffiche sugli 80km/h nel triestino. TEMPERATURE:I valori minimi saranno in genere compresi tra 6 e 8°C,quelli massimi tra 11 e 14°C. ATTENDIBILITA’ 70%

Laguna 2.0 vedi www.latisana.it

Ponte girevole

Dopo l’articolo di ieri, per Valvason, Sindaci e altri, pubblichiamo:

Codromaz Alessio. Ho visto il programma dell’attività cicloturistica, al ritorno i partecipanti non attraverseranno il ponte perchè chiuso già da più di un mese per manutenzione, la riapertura avverrà tra un mese ( tempi della Regione quindi si rischia di finire come il pontile di legno che porta al Fanale di entrata al porto). La cosa che ha dell’incredibile è che in questo momento non è ne pedonale/ciclabile ne aperto per far passare le imbarcazioni…é già capitato che un’imbarcazione arrivata lì ha dovuto ripercorrere tutta la laguna per uscire in mare, lo considero un enorme disagio calcolando l’importanza della Litoranea Veneta. Buona Giornata

http://www.cbbf.it/dettaglio_news.cfm?ID_NEWS=1245

http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2014/06/01/news/risistemato-il-ponte-girevole-di-bevazzana-1.9334225

inaugurazione ponte girevole 31 5 14

Nota del Cocal: qui sopra la foto della inaugurazione del pinte girevole del 31 maggio 2014, articoli del 1 giugno. Nella foto si riconoscono l’Assessora Regionale Santoro, i Sindaci Benigno e Fanotto, gli assessori Ciubej, Valvason, Geremia e responsabili del Consorzio Bonifica Bassa friulana. Sotto la foto due link per gli articoli appunto del Consorzio e del Messaggero Veneto. Ora, se dopo 9 mesi dalla foto inaugurale, il Consigliere Codromaz ci segnala che il ponte è chiuso, qualcosa non funziona. Come al solito nessuno si fa e si farà avanti per dire “è colpa di…” oppure “io mi impegno a…” eppure la classe politica dovrebbe aver capito che non è più tempo di atteggiamenti e comportamenti e soprattutto fatti come questi. Una volta la gente si dimenticava, anche oggi magari, ma poi basta fare un click su internet e trovi tutto, comprese le belle foto delle inaugurazioni.

Festa delle Cape e Una Mano per Vivere

Come ogni anno, dimostrando notevole sensibilità, gli organizzatori della “Festa delle Cape” di Lignano devolvono parte del ricavato della manifestazione a scopi benefici; quest’anno la scelta è caduta sull’Associazione “Una Mano per Vivere” di Latisana. Siamo orgogliosi di questa decisione che rappresenta il riconoscimento del nostro ormai ventennale impegno sul territorio a supporto dei malati oncologici. Il Consiglio Direttivo della Mano per Vivere ha deliberato che il contributo così generosamente concesso venga utilizzato a parziale copertura delle spese per l’acquisto di una nuova autovettura, attrezzata anche per il trasporto dei disabili, che farà base a Lignano dove recentemente si è formato un gruppo di autisti volontari. Riteniamo che i nobili scopi che animano questa bellissima festa siano un motivo in più per parteciparvi. Un grazie di cuore all’Associazione Pescatori “Al Mare” Onlus di Lignano Sabbiadoro. Una Mano Per Vivere

TICKET CITY di Luigi Damiani

Il consulente turistico Marco Scurati ha proposto in un convegno a Venezia il TICKET CITY. Questo Tichet City consiste nel far pagare ai turisti giornalieri, nei periodi di picco che non pernottano nella città lagunare un ticket da 5 euro. I periodi di picco considerati nell’arco dell’anno sono circa di 90 giorni. Si calcola che coloro che frequentano Venezia per una sola giornata senza pernottamento sono circa 10 milioni nell’arco del periodo di picco.. Se venisse sempre applicata la tariffa Tichet da 5 euro Venezia incasserebbe 50 milioni di euro. Soldi che potrebbero essere usati per la città e la promozione turistica. C’è da considerare che molti turisti pernottano Jesolo o a Cavallino-Treporti e poi con il vaporetto raggiungono Venezia questo potrebbe essere un grosso problema da risolvere.. Chissà se la stessa cosa si potrebbe applicare a Lignano magari con una tariffa da 1 o 2 euro giornaliero per i pendolari della domenica o di altri giorni festivi o pre festivi che usano tutti i servizi della spiaggia senza lasciare un soldo perchè si portano anche i panini e le bibite da casa. Ovviamente questa è una provocazione, però……..un pensierino! Luigi Damiani

Nordic Walking

Dal sito nordicwalkingintour.it, copiamo: 1ª Tappa Campionato Nazionale Lignano Sabbiadoro 15 marzo 2015. Scritto da Carlo Grigolon. – 2ª Edizione della tappa del Nordic Walkingin Tour ” Camminando tra Mare e Laguna”. — Domenica 15 marzo con partenza dal Pontile di Lignano Pineta 1 tappa del nuovissimo circuito Nazionale Aics di Nordic Walking, la tappa è organizzata direttamente dal Nordic Walking in Tour con il supporto logistico a Lignano della Asd Nordic Walking Lignano. Una camminata a Lignano tra gli elementi essenziali e caratterizzanti della nostra penisola adagiata tra il mare Adriatico e la Laguna di Marano. Un percorso spettacolare per un terzo su sabbia bagnata, un terzo su asfalto per spostarsi da un lato all’altro della penisola e un terzo circa su terra battuta. Partenza dal pontile di Pineta e percorrenza del bagnasciuga fino a terrazza a mare. Qui si risale per Viale Italia, la prima via di Lignano e, dopo aver attraversato la Darsena Vecchia, si imbocca la pista sull’argine della laguna fino al cimitero. Si scende per via Lovato sino ad imboccare la pista ciclabile parallela a viale Europa fino all’altezza del viale dei Fiori dove si percorrerà la perdonabile fino al raggio del Levante che porterà all’arrivo della nostra passeggiata, 11 km in cui la fatica verrà ampiamente compensata dalla bellezza del percorso. Come di consueto ci si potrà iscrivere alla tappa valida per il campionato Italiano o alla camminata turistica che verrà effettuata sul medesimo percorso. ore 8.45: Ritrovo dei partecipanti nel piazzale del pontile per accreditamento. ore 10.00: Partenza per il percorso di 11 km. ore 13.00: Premiazioni e poi Pasta per tutti

Musica Country

country day

Nei giorni 5, 6 e 7 luglio all’Arena Alpe Adria di Lignano, “The Original Country Day Festival”, organizzato da FOSAR (Free Open Space Art Rock)

Lignano a Rimini ( che soddisfazione..)

Dal sito basketnet.it, copiamo: RNB: Europeo U20 di Lignano a Rimini. Grazie alla cortesia e alla grande disponibilità manifestata dai vertici di RNB BASKET FESTIVAL 2015 e della RIMINI FIERA S.p.A., il Comitato Organizzatore degli Europei di pallacanestro Under 20 maschili 2015 potrà usufruire di uno spazio promozionale all’interno dell’Area Hospitality della Lega Nazionale Pallacanestro nel corso della Fiera, dal 6 all’8 marzo. In tale spazio, sarà possibile trovare materiale promozionale del Campionato Europeo U20, che si disputerà a Lignano Sabbiadoro (Ud) dal 7 al 19 luglio. Saranno illustrati i pacchetti turistici predisposti per tutti coloro, tifosi, appassionati e sportivi, che sceglieranno di godersi dal vivo, a Lignano Sabbiadoro, le emozioni della grande pallacanestro giovanile continentale…..ecc ecc

Messattino della settimana

messattino

Domenica 1 marzo

Nulla sul Gazzettino. Sul Messaggero il Piano delle emergenze della Protezione Civile. C’è anche la fotonotizia dei pneumatici abbandonati a mò di discarica in Viale Europa.

Lunedì 2 marzo

Sul Gazzettino il Concorso Canta Junior del Parco Junior. Sul Mess articolo per dire che c’era gente a Lignano e che ieri e oggi c’è la Festa delle Cape.

Martedì 3 marzo

Nulla sul Gazzettino. Sul Messaggero due articoli…ittici: viene annunciata la Festa delle Cape di ieri e oggi e il prossimo fine settimana e poi l’Oasi del Pesce che dichiara di voler riaprire e si parla del contenzioso al TAR con il Comune.

Mercoledì 4 marzo

Sul Messaggero articolo dedicato ai profughi che hanno sottoscritto un protocollo con il Comune e la Croce Rossa per svolgere piccole mansioni di pulizia del territorio; foto con scopa e badili e intervista all’assessore. Due “brevi” per il corso di marketing turistico e il concerto di musica in Darsena di mercoledì sera. Articolo coi richiedenti asilo e foto anche sul Gazzettino.

Giovedì 5 marzo

Nulla sul Gazzettino; sul Messaggero ennesimo articolo sul caso Lisandra Rico e il duplice omicidio, non serve parlarne. Poi l’opposizione del Comune di Lignano al Piano di Assetto Idrogeologico che penalizza la zona di Via Europa ( guarda un po’….), infine la questione della guerra tra Comune e Vigili per il recupero dei soldi di straordinario e recupero ore; sono stati dati 20 giorni di tempo per trovare una soluzione, ma i Sindacati sono sul piede di guerra.

Venerdì 6 marzo

Nulla sul Gazzettino. Nulla sul Messaggero

Sabato 7 marzo

Nulla sul Gazzettino. Sul Messaggero si parla ancora dell’omicidio Burgato-Sostero; poi la Festa delle Cape con i richiedenti asilo che hanno collaborato a levare la sabbia della spiaggia portata dal vento fin dentro i tendoni allestiti.; infine la riapertura, oggi, del Parco Zoo Punta Verde.

Guarda anche

CECILIA SCERBANENCO DA MILANO A LIGNANO SABBIADORO

Traduttrice, laureata in filosofia medievale, figlia di Giorgio Scerbanenco scrittore e giornalista che non ha …

3 commenti

  1. Non credo sia possibile limitare l’accesso a spiaggia libera e bagnasciuga, ma solo alle strutture degli stabilimenti spiaggia, quindi il ticket andrebbe applicato non a tutti coloro che entrano in spiaggia, ma solo a chi vuole sfruttare bagni e doccce (Inibire l’accesso ai bar a chi non ha pagato il biglietto sarebbe tafazziano), che a quel punto sarebbero ben pochi. Volendolo ancora fare, occorre implementarla in un modo che non consenta evasione e non renda l’uso delle strutture più scomodo per gli utenti che già pagano. L’unico modo che mi viene in mente è realizzare il parco chiuso come a Grado, con le scomodità che comporta e la presenza dei cartelli minatori posti in tutti i varchi, che ricordano che in spiaggia è vietato anche respirare se non si è pagato il biglietto. Inoltre i varchi non sono frequentissimi e allungano i tempi di accesso alla spiaggia.

    Come se non bastasse non c’è alcun bisogno di andare a Grado centro per usufruire della spiaggia, basta andare a Pineta o in zona Bosco; qui a Lignano, ammesso e non concesso di riuscire a chiudere tutto, non provocheremmo altro che il deflusso di quei turisti verso Bibione. Se fossimo negli anni ’60/’70 capirei l’idea di portare tutto da casa e non acquistare nulla in loco e potrei concordare con l’idea che una significativa parte di turisti fanno in questo modo e non consumano, siamo nel 2015 e credo che le cose siano un pochino cambiate, tanto che il danno di immagine e i mancati introiti per bar/ristoranti/negozi di alimentari non compenserebbero in alcun modo 2 euro di ticket, specialmente tenendo conto delle spese necessarie per le attrezzature e il personale dedicato all’emissione dei ticket e al controllo dei portoghesi.

    Morale: come idea non mi sembra né opportuna nè facilmente realizzabile, a questo punto è più facile separare più nettamente i parcheggi a pagamento, lasciare liberi solo quelli molto distanti dalla spiaggia e dedicare i maggiori introiti a tale scopo, peccato che questo vada in conflitto con una delle cose suggerite a cadenza settimanale, ove appunto si dice di ridurre sia il numero di posti a pagamento sia il periodo in cui i parchimetri sono attivi. Di nuovo comunque questo ci metterebbe in posizione sfavorevole rispetto a Bibione, ove non mi sembra difficile trovare dei posti gratuiti non tanto distanti dalla spiaggia.

    In chiusura: sarà anche una provocazione, ma… a cosa serve? E’ inutile tirare fuori un’idea al giorno, scoordinata da tutto il resto e magari in contraddizione con altre, così come è inutile raccontare cosa ha fatto il vicino sottointendendo dobbiamo farlo anche noi, serve solo a inseguire la concorrenza ma non a proporre qualche idea decente prima che ci pensino gli altri, un giorno o l’altro mi aspetto che il sindaco di Jesolo starnutisca e qui esca un articolo che sostiene che dobbiamo starnutire anche noi, visto che fa bene al turismo.

    • @ guido: stasera escono due articoli di jesolo ( chissà se l’addetto stampa di Lignano manda i pezzi ai vari blog di Jesolo e Bibione ecc ecc…), ma nel pezzo non si dice che il sindaco ha starnutito, ma si dice che ha fatto un Carnevale da 50.000 persone. se poi si vuole copiare o meno, dipende da fanotto, non dal sottoscritto. il cocal

      • Angelo Pellegrinon

        In realtà il Carnevale di Jesolo è realizzato dalla Pro Loco di Jesolo e comunque che Guido volesse dire ben altro, più a livello di idee che di iniziative. Giusto per inciso la Pro Loco di Jesolo nel 2012 ha avuto dal Comune 280.000 euro. Per il carnevale 2015 hanno avuto solo come acconto € 24.000,00 e contando il saldo degli anni precedenti arriveranno probabilmente a € 30.000 circa. Ora se da qui e in più parti si parla dell’uso dei denari pubblici per le manifestazioni ecco che abbiamo un esempio di un Comune che ne usa tantissimi. Forse sono da rivedere le posizioni in merito che “vanno di moda” in queto periodo visto che vedete Jesolo come un mantra da seguire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *