Home / Lignano Sabbiadoro / Martedì: Angelo Pellegrinon; una belle iniziativa solidale; Giro d’Italia 2016; Damiani; Bosello

Martedì: Angelo Pellegrinon; una belle iniziativa solidale; Giro d’Italia 2016; Damiani; Bosello

Angelo Pellegrinon e mezza maratona

Vorrei complimentarmi con l’Athletic Club Apicilia per l’organizzazione della mezza maratona. Ad essere sincero ero convinto avrebbe vinto un’altra associazione ma meglio così. Ho avuto modo di collaborare in più occasioni con Salvatore e posso dire che mette anima e corpo in quello che organizza. Spesso ho condiviso la sua frustrazione per la poca attenzione o meglio la poca collaborazione ricevuta durante un evento organizzato, quasi a sembrare che l’esserci o non esserci fosse indifferente. Alcuni giorni fa in queste pagine alcuni operatori si sono lamentati per la scarsa informazione sugli eventi e soprattutto per venire a conoscenza di cosa succede troppo a ridosso di questi. Con questa scusa motivano la loro assenza.

Bene, ora sappiamo – in realtà lo sapevamo da settimane visto il “bando” pubblicato nell’albo pretorio del Comune – che sabato 11 giugno 2016 e sabato 10 giugno 2017 a Lignano saranno organizzate due mezze maratone; vediamo se il prossimo anno o quello dopo sentiremo ancora qualche operatore lamentarsi della tempestività. Ad oggi hanno moltissimo tempo per organizzarsi e mettere in atto tutte quelle azioni che purtroppo per i motivi di cui sopra non hanno attuato, vedremo cosa cambierà. Angelo

http://utirivierabassafriulana.simplesite.com/420291961

Bosello

Bosello intervistato al tg per la polemica dei profughi a Lignano e per la Lisagest che lo ha tenuto fuori dalla porta della riunione; sempre colorito l’ex assessore verde di Lignano.

Giro d’Italia 2016

“La gara più bella del mondo” fa tappa in Friuli Venezia Giulia. Dal Giro, un indotto turistico rilevante. TurismoFVG pronta a sfruttare il marchio sportivo per la promozione del territori. Torna in Friuli Venezia Giulia il Giro d’Italia con una tappa che punta in alto, anche per la promozione turistica del territorio. Sulla valenza promozionale dell’iniziativa, presentata stamattina nella sede della Protezione civile di Palmanova, hanno indirizzato i loro interventi tutte le autorità presenti, compresi i vertici di RCS sport, società che la organizza e che molto si aspetta, in termini di partecipazione, dal percorso in regione.

Nelle zone toccate dal Giro, infatti, sono attese svariate decine di migliaia di spettatori anche da Slovenia, Croazia, Repubblica Ceca, Austria e dal vicino Veneto, considerando che alla “tappa rosa”, in arrivo venerdì 20 maggio 2016, è stata collegata una Gran Fondo la domenica successiva, tracciato che sarà proprio lo stesso su cui i grandi campioni si sono sfidati in una delle tappe più attese e sicuramente decisive dell’intera corsa.

Partendo da Palmanova e toccando per ben due volte Cividale, il Giro avrà il suo clou nelle Valli del Torre e del Natisone, una zona della regione poco conosciuta dal punto di vista turistico, ma ricca di fascino e opportunità di sviluppo. Su questo territorio, che conta un sito Unesco già riconosciuto (Cividale) e un altro “in corsa” per diventarlo (Palmanova), TurismoFVG predisporrà le condizioni di accoglienza e di offerta turistica assieme agli operatori in modo da permettere una fruizione del territorio non solo nei giorni interessati dal doppio evento sportivo, ma soprattutto per consentire che la corsa a tappe più famosa d’Italia rappresenti un “testimonial” per il turismo del Friuli Venezia Giulia.

TurismoFVG ha già realizzato due prodotti turistici pensati per i ciclisti e cicloturisti che vogliono vivere la loro vacanza in bicicletta e per coloro che desiderano invece un’esperienza slow conoscendo la parte autentica e genuina del territorio: Bike Experience e Rurale Slow. Il primo include strutture ricettive con un forte orientamento al mercato del cicloturismo che offrono servizi specifici per i ciclisti e cicloturisti, come spazi sicuri dove mettere le bici, attrezzature per le piccole riparazioni, colazioni rinforzate e personalizzate su richiesta, late check-out, il bike carnet (blocchetto di sconti su servizi specifici offerti dai fornitori del territorio che aderiscono al circuito Bike Experience) e molto altro ancora. Il secondo invece comprende le strutture di piccole dimensioni che offrono un’accoglienza familiare e permettono agli ospiti di conoscere l’autenticità e le tradizioni del territorio, l’amore e la cura per le piccole cose, i sapori e profumi delle colazioni fatte in casa con prodotti locali, per valorizzare la filiera corta e favorire una ricaduta economica positiva su tutto il territorio.

Il marchio sportivo del Giro d’Italia sarà utilizzato per promuovere questo territorio, ricco di fascino e modello verace di quel turismo slow sempre più ambito dai visitatori e che in Friuli Venezia Giulia significa appunto una perfetta sintesi tra storia, cultura, divertimento.

100 GIORNI ALL’ALBA di Luigi Damiani

Il 3 novembre 2014 il tavolo del centro destra scriveva e approvava un comunicato denominato ( da noi ) PENULTIMATUM con scadenza al 31-12 2015 che aveva come probabili destinatari alcuni componenti della attuale maggioranza . Il PENULTIMATUM è stato pubblicato su questo blog il 29 novembre 2014. Chi volesse rileggerlo basta che digiti Ultimatum” sul questo blog in alto a destra. A questo punto mancano solo 100 giorni per qualcuno che deve decidere cosa fare del suo futuro politico a Lignano. In realtà vista la scadenza del 31-12 i giorni utili per decidere con di mezzo il Natale sono molto meno, forse una ottantina. Tanti , pochi giorni, forse questi o questo qualcuno ha già deciso come muoversi? Andare o restare? Questo è il dilemma che affligge qualcuno. Tutto questo senz’altro crea malumori interni, incertezze di quello che potrebbe accadere in un prossimo futuro. Ma purtroppo i “qualcuno” non hanno molto tempo , la scadenza è perentoria e non prorogabile. Impensabile ottenere proroghe in funzione di eventuali promesse. Come si usa dire ” IL DADO E’ TRATTO”. Per una volta bisogna decidere con fermezza. SI o NO. Oltre un anno per decidere sul da farsi è anche troppo. La situazione in questo lungo periodo non è cambiata, quindi la decisione deve essere presa. Potrebbe essere che “qualcuno abbia ottenuto delle promesse e delle garanzie ” per mantenere in vita questa amministrazione, magari come si vocifera negli ambienti con la presidenza di una partecipata importante. I giochi sono ancora aperti ma mancano solo 100 giorni all’alba. Luigi Damiani

AVANZO DI BILANCIO di Luigi Damiani

A Lignano ammonta a circa 11 milioni e 700 mila euro l’avanzo di bilancio. La somma desta qualche preoccupazione in quanto è stata determinata in parte dall’aumento dell’imu, ma soprattutto dalla mancanza di investimenti in opere. Questa maggioranza quando era in minoranza sbraitava contro la maggioranza di allora perché l’avanzo era stato poco più di 3 milioni di euro. Cosa si dovrebbe dire ora? Vediamo quali sono gli avanzi di bilancio delle altre località turistiche vicine a noi come quelle del Veneto.

AVANZO DI BILANCIO

Caorle 3 milioni 995 mila euro

Eraclea 4 milioni 914 mila euro

Jesolo 14 miloni 021 mila euro

San Michele al T. -Bibione 3 milioni 440mila euro.

Come possiamo ben vedere solo Jesolo ha un avanzo consistente, ma dobbiamo anche dire che ha anche una configurazione come località ben diversa da Lignano in quanto supera i 25 mila abitanti ( 4 volte Lignano) e conta ben 22 frazioni comunali.

Le altre due località Caorle – San Michele al T. Bibione– si attestano intorno ai 4 milioni di euro mentre Eraclea è vicina ai 5 milioni di euro di avanzo. Questo cosa vuol dire.? Che queste località oltre che incassare hanno anche speso in opere pubbliche.

Ma il tesoretto di 11 milioni e 700 mila euro di Lignano come verrà speso dalla amministrazione attuale e soprattutto quando. Potrebbe essere senz’altro un ottimo serbatoio per effettuare i lavori in periodo pre-elettorale per avere consensi.. Luigi Damiani

Iniziativa solidale

V30DS r

Settembre 2015: rivoluzione green di Venethica: “la scarpa che cammina, ma non calpesta” con cui la Cooperativa N.O.I. supera sé stessa

Venethica è l’inedita linea di sneaker totalmente ecocompatibile, realizzata in materiale riciclato e con elementi biodegradabili. Dalla natura arriva e alla natura torna.

La Cooperativa Venethica, dopo il recupero del know-how, dei macchinari e delle persone di un calzaturificio artigianale a rischio chiusura, va oltre e realizza una linea di scarpe omonima, dal passo ancora più importante: la produzione di queste sneaker è destinata a cambiare il futuro dell’industria calzaturiera in prospettiva ambientale.

La tomaia nasce dalle manichette antincendio, riciclate e disaccoppiate; i riporti sono in riso e cereali, quindi dalla natura arrivano e alla stessa ritornano; tintura e colle sono ad acqua, totalmente ecologiche e la suola, punto di forza estremo rispetto a quanto visto finora, è totalmente biodegradabile, il tutto garantendo alti standard qualitativi e di durata. VENETHICA, che sarà disponibile in commercio per la stagione primavera/estate 2016, è una linea di scarpe da passeggio nate da un nuovo concetto di ricerca e sviluppo, sempre più volto all’ecosostenibilità.

<Venethica rappresenta in pieno il concetto di “scarpa che cammina e non calpesta”, perché rispetta l’ambiente da ogni angolazione la si guardi – afferma il Presidente della Cooperativa N.O.I. Fabio Panizzon – Acquistarne le scarpe significa favorire il mantenimento dei posti di lavoro, dare valore alle risorse sul nostro territorio e dimostrare allo stesso anche il pieno rispetto della Natura. Venethica è la dimostrazione che si può fare impresa nel rispetto dei valori etici>.

Venethica fa parte, assieme alla Cooperativa NOI e a Pastificio Veneto, della nuova realtà NOI Group, ed è nata per sensibilizzare su più fronti: quello socio-lavorativo, assumendo cinque persone a rischio disoccupazione, quello della ricchezza territoriale, recuperando il know-how, i macchinari e la produzione di un calzaturificio destinato a chiudere, quello ambientale con chiari messaggi di ecosostenibilità in una scarpa-moda prodotta secondo le tradizionali regole manifatturiere, con standard di alta qualità, e destinata a durare nel tempo. Un passo in avanti verso un progresso dal percorso etico.

N.O.I. Nuovi Orizzonti Informatici – Soc. Coop Soc. a R.L. ONLUS

Via delle Querce, 7 – 31033 Castelfranco Veneto (TV)

Tel/Fax 0423.723432

N.O.I.

Nel 2000, al termine di un articolato percorso, che ha approcciato al mondo del lavoro quindici persone affette da disabilità motoria, grazie alla collaborazione tra l’Azienda ULSS 8 di Asolo, la Cooperativa Sociale “Vita e Lavoro” e un gruppo di genitori, il tutto finanziato dal Fondo Sociale Europeo, nasce questa Cooperativa Sociale, con un imprinting formativo che caratterizza da sempre le sue scelte, basate sulla solidarietà come valore fondamentale per rispondere a bisogni concreti, nel completo interesse della comunità. Una Cooperativa Sociale di tipo B di nuova concezione: crea opportunità di inserimento lavorativo mirate alle persone “svantaggiate”. Una definizione che individua un gruppo eterogeneo, casi particolari non sempre contemplati fra le categorie protette e che allo stesso tempo faticano ad essere assorbiti dal mercato del lavoro. N.O.I. nasce proprio per venire incontro a persone affette da malattie fisiche, sensoriali o organiche anche altamente invalidanti, a chi necessita di orari di lavoro personalizzati, a chi non trova lavoro a ridosso della pensione. Una grande capacità operativa e una visione imprenditoriale sono al servizio della natura sociale, per dare vita a un’integrazione socio-lavorativa a 360°.

Guarda anche

CECILIA SCERBANENCO DA MILANO A LIGNANO SABBIADORO

Traduttrice, laureata in filosofia medievale, figlia di Giorgio Scerbanenco scrittore e giornalista che non ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *