Home / Lignano Sabbiadoro / Mercoledì: Carnevale in Cantina; Parkint; Damiani (ciclovia e politica); Jesolo; mafia

Mercoledì: Carnevale in Cantina; Parkint; Damiani (ciclovia e politica); Jesolo; mafia

Parkint

Sarà uno studio di Roma, la società 3TI PROGETTI ITALIA INGEGNERIA INTEGRATA SPA, a realizzare il progetto della nuova autostazione di Lignano City; la società ha offerto un ribasso del 61,23% rispetto alla base di gara ( 77.903 euro). Un ribasso davvero notevole.

Carnevale in Cantina

Il 7 e 8 febbraio, vedi www.friuli.org .  –  E’ un peccato che nella zona di Lignano, con almeno 20 aziende agricole e vinicole, non si organizzi nulla di nulla per attirare i turisti nella stagione invernale e primaverile. Non costava nulla una sorta di ..” Carnevale, crostoli, frittelle e vini dolci a Lignano e dintorni”, con un pacchetto di visite e ospitalità promosso a dicembre e realizzata a ridosso del Carnevale di Venezia. Non mancano i soggetti e i prodotti, mancano le idee e chi poi le realizza. O forse manca un pò di miseria.

CICLOVIA di Luigi Damiani

La ciclovia Alpe Adria che alla fine del percorso dovrebbe collegare Salisburgo con Grado è stata eletta ad Amsterdam alla “Fiera della vacanza attiva” ciclovia dell’anno insieme alla ciclovia Tour della Manica. La ciclovia che alla fine dei lavori svilupperà 140 Km da Salisburgo a Grado, attualmente è percorribile per 108 Km. I passaggi transfrontalieri nello scorso anno 2014 sono stati oltre 680 mila. Un turismo quello che percorre le ciclovie sempre in aumento, con percorsi interessanti sotto tutti gli aspetti, dal territorio, all’enogastronomia, ai B&B, alla vacanza attiva. Che la ciclovia Alpe Adria abbia ricevuto questo importante riconoscimento classificandosi al primo posto dovrebbe sensibilizzare gli operatori turistici e le amministrazioni a seguire questo percorso con la realizzazioni di ciclovie su tutto il territorio friulano. Creare una rete di ciclovie che si colleghino in modo da creare percorsi alternativi.. Sarebbe fondamentale per Lignano trovare il modo di collegarsi alla ciclovia Alpe Adria nella zona di Cervignano o Aquileia per dare la possibilità ai cicloturisti di arrivare anche a Lignano.

POLITICA SALTELLANTE di Luigi Damiani

Chissà cosa ne pensano a Lignano ma anche a Latisana come in tutta la regione, coloro che hanno sostenuto Tondo alle ultime elezioni regionali con ovviamente Forza Italia in prima fila e a seguire gli altri partiti di centro destra. La notizia che l’ex presidente della regione RenzoTondo sia entrato nella direzione nazionale di Italia Unica di Corrado Passera, che ha presentato il nuovo partito a Roma , ha lasciato un pò tutti sconcertati, anche se qualcosa era nell’aria già da tempo. Come si comporteranno ora i forzisti di Lignano ma anche di Latisana e i partiti che lo hanno sempre condiviso e appoggiato. Tondo ha dichiarato che nei giorni prossimi farà una conferenza stampa per dare dei chiarimenti. Per ora Italia Unica ha 3 punti di riferimento in regione, Cordenons, Udine, Trieste. A questo punto si apriranno i giochi per conquistare la leadershep regionale nel centro destra. Riccardi , Blasoni, Savino e molti altri cercheranno il colpo gobbo? Quanti politici e o pseudo politici in caduta libera per non dire in disgrazia vorranno salire su questo nuovo carro di Italia Unica che si presenta come nuovo partito centrista. Staremo a vedere , i giochi si sono appena aperti. Dimenticavo sta per scendere in politica anche Diego della Valle patron di TOD’S Hogan con il nuovo simbolo NOI ITALIANI. Luigi Damiani

Mafia

Segnaliamo un commento che ci pare importante:

Più che un commento è una segnalazione, riprendendo quanto riportato su un pezzo del Messaggero Veneto on line sulla mafia in Friuli. In particolare l’articolo si sofferma sul fatto che la mafia investe, tra gli altri posti, nel litorale udinese, (leggasi Lignano Sabbiadoro). Sarebbe il caso che le nostre istituzioni inizino a rendersi conto di cosa sta accadendo, cercando di prendere le dovute misure. Il tema più che un “post”, credo richieda un serio approfondimento.

Jesolo

Sand Nativity, chiusa l’edizione dei record. Toccati i 113.200 visitatori in 58 giorni di apertura. L’assessore al turismo Daniela Donadello: «Un’edizione andata oltre la attese, che ha animato i weekend e portato lavoro alle attività commerciali rimaste aperte»

Sand Nativity, l’edizione dei record ha chiuso i battenti e traccia il suo bilancio. Nei 58 giorni di apertura la mostra del presepe di sabbia allestita in piazza Marconi ha polverizzato ogni tipo di record. Non solo sotto il punto di vista delle presenze ma anche del gradimento, della raccolta fondi (l’ammontare complessivo sarà comunicato fra qualche giorno) e sul ritorno d’immagine.

Alla chiusura dei cancelli domenica scorsa si è attestato su 113.200 visitatori il numero complessivo delle persone che hanno potuto ammirare le 10 sculture di Sand Nativity. Un numero andato ben oltre le attese che ha permesso di abbattere il muro del milione totale di visitatori nelle 13 edizioni fin qui svolte, di regalare un soggiorno per due persone al visitatore numero 100mila e soprattutto portato nei weekend di dicembre e gennaio a Jesolo tanti, tantissimi turisti di ritorno.

«E’ stata un’edizione che è andata ben oltre le attese della vigilia – è il commento dell’assessore al turismo Daniela Donadello – Una manifestazione che ormai ha un suo consolidamento e che, cosa non da poco, ha fatto lavorare molte attività commerciali rimaste aperte rendendo così Jesolo d’inverno una città viva. Quest’anno abbiamo introdotto anche le visite guidate al presepe che hanno riscosso un grande successo e che ripeteremo per la nuova edizione».

Il presepe di sabbia di piazza Marconi è rimasto aperto 58 giorni. 12 gli scultori che hanno lavorato alle 10 sculture tra cui due dedicate a San Giovanni Bosco. A lavorare con gli scultori giunti da tutto il mondo anche 5 allieve dell’Istituto d’arte M.Guggheneim di Venezia. 470 i metri quadrati di area espositiva allestiti, 1500 le tonnellate di sabbia utilizzata, 5 i progetti benefici a cui andranno le offerte dei 113.200 visitatori.

Guarda anche

CECILIA SCERBANENCO DA MILANO A LIGNANO SABBIADORO

Traduttrice, laureata in filosofia medievale, figlia di Giorgio Scerbanenco scrittore e giornalista che non ha …

2 commenti

  1. la mafia a lignano mica da adesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *