Home / Lignano Sabbiadoro / Mercoledì: teatro al Cinecity; Baglioni e Morandi; la stagione 2016 di Lignano; un documento importante sull’EFA; commenti

Mercoledì: teatro al Cinecity; Baglioni e Morandi; la stagione 2016 di Lignano; un documento importante sull’EFA; commenti

La stagione 2016 di Lignano

La stagione 2016 potrebbe essere tutta diversa dalle precedenti, vediamo perché. Prendo spunto dal convegno da me organizzato all’Odeon di Latisana credo nel 1999 e dalla recente Rete d’Impresa tra Confcommercio e Consorzi di Lignano e Bibione. Dopo il claim “l’emozione di sentirsi bene”, dopo il piano turistico di Fourtourism, a Lignano ancora si sente la mancanza di un’idea vincente, di una strategia capace di bucare i media e imporsi nel panorama internazionale come una novità pur nella tradizione. Per averla, si possono fare investimenti, scomodare geni della comunicazione, spendere per manifestazioni o strutture, oppure si prende l’esistente, gli si da una veste nuova, si trasforma quello che è in quello che non si è mai visto così e si “inventa” una nuova Lignano partendo da Lignano. E da Bibione. Già, perché la genialata la abbiamo già in casa e si chiama appunto Lignano-Bibione, ovvero Alto Adriatico. Una spiaggia lunga 19 chilometri, con campeggi, alberghi, villaggi e appartamenti come nessun’altra località italiana può offrire. Più di Jesolo e più di Rimini, per bellezza e per numeri. Un prodotto “nuovo”, una sensazione diversa di essere località che un fiume non divide, come non divide Caorle da Santa Margherita, ma più banalmente non divide Roma o Firenze. Turisticamente il prodotto funziona; per i mass media è oro che cola ( due comuni, due regioni che si fondono molto prima delle leggi e delle norme, solo per fare turismo) e per dare vita al progetto basta solo che le manifestazioni diventino di Lignano/Bibione ovvero dell’Alto Adriatico. La recente costituzione della rete d’imprese che parte ( e arriva) all’ “Obere Adria” non è solo un aspetto commerciale, è soprattutto una svolta epocale in termini di marketing turistico. Poi, sul campo, occorre che il rapporto qualità/cortesia/prezzo del prodotto sia molto interessante, e magari si possono mettere dei paletti molto rigidi per entrare nel “Club Obere Adria”, magari si possono inventare delle classificazioni autonome e delle espulsioni per chi non rientra negli standard, magari si possono coinvolgere i turisti nell’esercitare il controllo di qualità, con lo slogan che Obere Adria è casa vostra: difendete la vostra casa, eccetera eccetera.

Teatro

piccolo testa legno

Sabato 23 gennaio, alle ore 17:00, al Cinecity. I Genitori Coraggiosi 2 vi aspettano al Cinecity di Lignano Sabbiadoro per lo spettacolo teatrale “Il piccolo Testa di Legno” , per chi se lo fosse perso e per chi invece vuole farsi ancora qualche risata….Vi Aspettiamo!!!!!!!!

DOCUMENTO ECCEZIONALE di Luigi Damiani

Nel documento (che di seguito pubblichiamo) del Comune di Lignano Sabbiadoro inviato alla EFA- ODA nel settembre 1995 a firma dell’allora assessore all’urbanistica Giorgio Venturini con Sindaco Stefano Trabalza al punto 5 veniva espressa la richiesta dell’area di circa 200.000 mq da destinare a parco pubblico e che sarebbe dovuta entrata nel patrimonio indisponibile del comune di Lignano Sabbiadoro

Nel documento sono indicate le prescrizioni che la commissione urbanistica dell’agosto 1995 diede all’allora EFA ODA da cui poi prese corpo la cessione dell’area per il pronto soccorso e la caserma dei carabinieri.

In particolare al punto 5 era stata anche prevista l’acquisizione del parco a Nord di Viale Centrale per circa 200 mila mq con relative prescrizioni ambientali.

Le cose sono due: o gli amministratori dell’epoca con Sindaco Trabalza erano tanto avanti e precursori dei tempi, o Ciubej attuale assessore all’urbanistica è un buon venditore di idee , che si arroga scelte e soluzioni non sue visto che non è evidentemente farina del suo sacco, ma di quella amministrazione in essere nel lontano 1995.

Quindi possiamo affermare senza ombra di dubbio, in quanto documentato, che quanto viene sbandierato anche a mezzo stampa dall’assessore Ciubej in relazione al parco pubblico come un suo progetto , è frutto di un progetto di quella amministrazione con l’allora sindaco Stefano Trabalza.

Questo per doverosa chiarezza nei confronti dei cittadini lignanesi, perchè bisogna dire realmente come stanno le cose, anche se tutto quanto esposto e pubblicato non farà molto piacere a qualcuno. Luigi Damiani

efa 1efa 2

…leggete i commenti, se volete

IL PRESEPE DI SABBIA di Luigi Damiani

Come si può verificare dai commenti il presepe di sabbia ha suscitato interesse in parecchie persone che in maniera positiva o in maniera negativa sono intervenute su questo blog.

Personalmente credo che il presepe di sabbia sia comunque dopo tanti anni un evento ormai consolidato per Lignano.

Non entro nel merito se i dati sulle visite siano reali, ma non mi sorge neanche il dubbio che vengano dichiarati dati falsi.

Anche negli anni scorsi il numero si attestava tra i 30 e i 35 mila visitatori pur essendo a pagamento. Quest’anno che è ad offerta libera è presumibile che gli accessi siano in crescita e quindi che alla fine di gennaio si possano raggiungere i 40-45 mila visitatori.

Bisogna anche pensare che il presepe di Lignano ormai è conosciuto per la sua bellezza e qualità, e quest’anno forse è il migliore degli ultimi anni.

Non dimentichiamo che oltre ai visitatori composti da famiglie, spesso il presepe è visitato da intere scolaresche e varie associazioni provenienti da varie provincie e regioni.

Se il presepe di sabbia di Jesolo si attesta intorno alle 80-100 mila visite negli ultimi anni, non vedo perchè quello di Lignano non possa realmente fare i numeri che sono stati dichiarati.

Per quanto riguarda invece gli introiti derivanti dalle offerte libere dei visitatori , credo che l’associazione Dome Aghe e Savalon D’aur non abbia nessun problema a fine evento a dichiararli, anche perchè se non sbaglio una cospicua somma dovrebbe andare in beneficienza. Più soldi dai in beneficienza più bella figura fai. Luigi Damiani

Baglioni e Morandi

Capitani Coraggiosi_stampa r

Bel colpo per Zenit, Tramontin e Jesolo, ecco il comunicato stampa.

F&P Group e Zenit srl, in collaborazione con il Comune di Jesolo, presentano: I “Capitani Coraggiosi” Claudio Baglioni e Gianni Morandi si preparano al tour con un programma radiofonico in 5 puntate e il disco live in uscita il 5 febbraio. Annunciata oggi la “data zero” del tour nei palazzetti, spettacolo che si annuncia fra i più attesi del 2016, dopo i 12 straordinari concerti di Roma a fine settembre scorso. Il nuovo progetto live delle due leggende della musica italiana partirà ufficialmente dal pala arrex di Jesolo il prossimo 17 febbraio.

17 Febbraio 2016 – JESOLO, Pala Arrex _Ore 21.00

Biglietti acquistabili sul circuito Ticketone a partire dalle ore 11.00 di mercoledì 13 gennaio (la pre-sale per il fan club sarà invece attiva dalle 11.00 di martedì 12 gennaio). Tutte le informazioni e i punti vendita su www.azalea.it e www.ticketone.it.

A grande richiesta continua nel 2016 l’avventura musicale dei “Capitani Coraggiosi”, il viaggio in musica e parole, tra immaginazione e verità, favola e fantasia, sogno e realtà, che vede protagoniste due figure che hanno contribuito a scrivere le più belle pagine della musica italiana: Claudio Baglioni e Gianni Morandi, per la prima volta eccezionalmente assieme sullo stesso palco in un unico indimenticabile spettacolo. Dopo le 12 straordinarie date al Centrale Live del Foro Italico a Roma e con il tour nei palazzetti in partenza, i due artisti sono attualmente protagonisti su RTL 102,5 con il programma in 5 puntate “RadioCapitaniCoraggiosi”, mentre per il 5 febbraio è in programma la pubblicazione dell’album “Capitani Coraggiosi – Il Live” (Sony Music), registrato proprio a Roma.

Altra grande novità è l’annuncio della “data zero”, il primo imperdibile live del nuovo fantastico viaggio dei due, che partirà ufficialmente dal Pala Arrex di Jesolo, il prossimo 17 febbraio (inizio ore 21.00), per poi toccare i palasport delle principali città italiane. I biglietti per l’importante appuntamento, organizzato da F&P Group e Zenit srl, in collaborazione con il Comune di Jesolo, saranno in vendita sul circuito Ticketone a partire dalle ore 11.00 di mercoledì 13 gennaio, (la pre-sale per il fan club sarà invece attiva dalle 11.00 di martedì 12 gennaio). Tutte le informazioni, i prezzi e i punti vendita autorizzati sul www.azalea.it e www.ticketone.it .

«Jesolo è lieta di ospitare due grandissimi della musica italiana e di farlo patrocinando il concerto del 17 febbraio al Pala Arrex – spiega l’assessore al turismo Daniela Donadello -. Quando ci è stata prospettata la possibilità di portare Claudio Baglioni e Gianni Morandi nella nostra città ci siamo subito attivati con ogni mezzo per rendere possibile lo spettacolo. Ci auguriamo che quella del 17 febbraio sia una grande festa di musica per un pubblico di tutte le età».

Il pubblico di tutta Italia lo chiedeva a grande richiesta e i due artisti hanno prontamente risposto “presente”. Mirabolanti le 12 serate live al Foro Italico di Roma, così come le due serate su Rai 1, un esperimento riuscito che vedrà quindi ora la sua naturale prosecuzione nei palazzetti delle principali città della penisola. Così come a Roma, anche nelle nuove date, a partire dalla “data zero” del 17 febbraio a Jesolo, i due protagonisti sapranno regalare uno straordinario show live, animato da una scaletta mozzafiato: una vera e propria “hit parade”, con alcuni tra i più grandi successi della musica popolare italiana, dagli anni ’60 a oggi, eseguiti da un gruppo di super musicisti. “I Capitani Coraggiosi – spiega Claudio Baglioni – sono quei visionari senza i quali il mondo non sarebbe mai andato avanti e non avrebbe visto nient’altro che quello che c’era.” “Sono quelli – gli fa eco Gianni Morandi – che non temono d’aver paura e hanno la saggezza della follia. E, senza aspettare che la tempesta abbia fine, imparano ad andare sotto la pioggia.”

La strana coppia si esibirà di nuovo per raccontare il mondo della canzone italiana, quello stesso mondo che hanno scolpito con canzoni immortali che sono diventate la colonna sonora della vita per diverse generazioni. Una serie di nuovi favolosi concerti, per tre ore di straordinaria musica dal vivo e 50 memorabili titoli del repertorio italiano degli ultimi cinquant’anni, eseguiti dai protagonisti assieme a un supergruppo di polistrumentisti. In “Capitani Coraggiosi” ascolteremo grandi successi di entrambi, duetti inediti riarrangiati e novità assolute, un evento che ha segnato il 2015 e che si appresta ora a conquistare l’Italia in questo 2016.

Guarda anche

CECILIA SCERBANENCO DA MILANO A LIGNANO SABBIADORO

Traduttrice, laureata in filosofia medievale, figlia di Giorgio Scerbanenco scrittore e giornalista che non ha …

10 commenti

  1. Alessio Carlino

    Non so se rubo l’idea a qualcuno, lungi da me, ma, come ho scritto su questo blog credo due anni fa, all’accoppiata Lignano- Bibione dobbiamo aggiungere Aprilia con i suoi posti barca. Se si deve osare si osi alla grande.

  2. Manuela Davanzo

    Risposta a Damiani su “EFA-ODA” Parco.

    Caro Damiani, questo documento è solo uno dei tanti documenti che hanno “viaggiato” negli anni. Proviamo a procedere con ordine anche se è piuttosto complicato?
    Intanto la prima richiesta di destinazione a Parco con acquisizione a Demanio Comunale dell’area Nord è ancora più vecchia, anno 1989 da parte di WWF Friuli Venezia Giulia e Gruppo attivo di Lignano, sostenuto da una raccolta firme fra turisti e lignanesi. Ricordo che uno degli slogan era “E’ la nostra Amazzonia”! Successivamente, dopo che la Regione (su richiesta del WWF) ha concesso il vincolo ambientale ai sensi del Regio Decreto n. 1497/1939 (anno 1992 amministrazione Meroi-bis), fra le due parti (Comune-EFA) si è giunti ad un accordo che prevedeva la CESSIONE GRATUITA di tutta l’area Nord INCLUSA l’area Carabinieri-Pronto Soccorso. Il tutto però condizionato all’approvazione di UNICO PRPC che “organizzasse” e normasse tutta l’area, Nord e Sud e che la cubatura prevista nell’area Nord (circa 80.000 mc) venisse trasferita nell’area Sud. Successivamente il Comune ha trasferito gli 80.000 mc ma l’EFA non ha mai firmato il PRPC. Nel tempo e per suoi interessi, l’EFA-ODA ha presentato vari PRPC, nessuno dei quali è mai andato a termine iter!!! Di conseguenza MAI si è potuto giungere fino all’acquisizione dell’area Nord con destinazione Parco. Il documento che lei con tanto clamore “rende pubblico” altro non è che una delle tante, tantissime corrispondenze fra le parti, si tratta della comunicazione delle prescrizioni che l’allora Commissione Urbanistica fa al Proponente il Piano. Prescrizioni che nascono dagli accordi del 1992 e che vanno a compimento solo se l’iter si conclude però! Alla proprietà evidentemente non piacevano e, di conseguenza, NESSUN PRPC è mai giunto a termine nonostante il trasferimento della cubatura a Sud.
    Negli anni EFA-ODA ha fatto comunque tutto quel che voleva fare anche con la collaborazione di varie Amministrazioni Comunali fra le quali spicca per solerzia l’Amm. Del Zotto (2 mandati consecutivi) che è riuscita a far fare (a spese del contribuente aggiungo io) Piscina e Palazzetto e poi è riuscita ad impegnare il Comune di Lignano ad ACQUISTARE (pagare insomma) l’area dove ora sorgono caserma dei Carabinieri e Pronto Soccorso, area che secondo i precedenti accordi, doveva giungere gratuitamente!!!
    Lo stato dell’arte ora qual’è? La proprietà si è tenuta tutto quel che le interessava tenere godendo pure un “pesante” contributo per realizzare impianti che, a torto o a ragione, gestisce come suoi. Quello che NON le interessava l’ha venduto (!) al Comune. Ora le rimane un bosco dove non può più costruire (probabilmente non è interessata a costruire) e decide di attrezzare a Parco. Piuttosto di peggio… meglio piuttosto!
    Compito delle Pubbliche Amministrazioni a questo punto, è costruire i “percorsi amministrativi” per giungere comunque al risultato. Per me personalmente è una ben magra consolazione, viste quelle che erano le premesse, Ciubej è più contento di me. Evidentemente ha un animo più gentile del mio.
    Se proprio vuole prendersela con qualche Amministrazione Comunale, cominci dal “decennio Del Zotto” e poi vada pure a ritroso. Sia chiaro che non sono e non voglio essere il difensore di Ciubej, quando sono venuta a conoscenza di quell’accordo… ho recriminato!!!

    Come ho già avuto di modo di dirle in altra occasione, le cose accadute sono… tante!
    Manuela

    • Manuela Davanzo

      Una precisazione al mio stesso intervento. Rileggendo mi sono accorta di aver tralasciato un particolare. Gli 80.000 mc che insistevano nell’area Nord non sono stati portati tutti a Sud, ne è rimasta una parte minoritaria che poi è stata utilizzata per caserma Carabinieri e Pronto Soccorso. Precisazione per non scatenare le grida di chi guarda al dito e non alla luna che lo stesso indica.

  3. Egr. Damiani, a mio parere il suo documento evidenzia solo che a LIGNANO ci sono due tipi di amministratori, quelli che scrivono le lettere e quelli che realizzano le opere. Con tutta la simpatia per le varie parti in causa, io sto con chi fa’.

  4. Dalle pubblicazioni e dai commenti si percepisce una sola cosa chiara. Lignano ha un Dio proprio, il quale Pontifica, decide, si auto-loda, si auto-celebra ed ha un io interiore piu Grande ed immensi di un xxxxxxxxxx, sua emminenza e santira’ Cjubei…….e i cittadini non contano NULLLA

  5. Franco Gerometta

    Buongiorno a tutti i lettori del Blog.
    A mio modesto avviso l’unione Lignano – Bibione non si farà, per le seguenti motivazioni:

    1 – Lignano e Bibione condividono una parte di targhet clienti, Bibione e Caorle molto meno;

    2 – Bibione e Lignano sono troppo vicini, Bibione e Caorle no;

    3 – Tra Bibione e Lignano c’è di mezzo il Tagliamento, tra Bibione e Caorle una zona chiamata Brussa con le diverse valli (molto valida dal punto di vista naturalistico) dove sta per nascere un nuovo mega centro turistico da 12.000 posti letto, fax simile di Duna Rossa, Duna Verde, Valle Altanea ecc. ecc.;

    4 – Bibione investe (nuovo ponte, creazione nuovi parchi tematici), Lignano….. Lignano Chi?

    5 – Lignano e Bibione sono PD e Pro Lega – Zaia , Caorle e Bibione hanno la stessa continuità politica;

    6 – perchè Jesolo farà valere tutto il suo peso in Regione perchè Bibione non si allei con Lingnao, facendo perdere potenzialmente clienti a Jesolo;

    7 – perchè Bibione – Caorle hanno già deciso !?

    Mandi mandi

  6. Eh caro Luigi, hai capito : c’è chi parla e c’è chi fa!
    Appunto. Ne vogliamo parlare.
    Ho preso il programma elettorale (aggiungo il link a fine commento ) e vado in un po’ a caso.

    Hai visto che sbalorditivo metodo di lavoro ha utilizzato l’amministrazione. E il dialogo con la popolazione poi, ne vogliamo parlare… (punto 1)
    Hai visto la meravigliosa stazione delle corriere (punto 7). Bellissima. Io ci sono passato l’altro giorno e devo dire che la struttura è stupenda. Certo manca qualcosina, ma ormai il più è fatto. (sempre che non nasca qualche comitato a bloccare …).
    Hai visto come è stato ristrutturato il lungomare. Meraviglioso. La terrazza a mare poi tirata così a lucido. E gli uffici spiaggia. Tutti nuovi e rifatti. Una meraviglia. (punto 5)
    Hai visto come siamo riusciti a recuperare le 800.000 mila presenze in un colpo solo (punto 4). E come siamo riusciti a riorganizzare la macchina comunale grazie al City Manager (che mi pare visto i risultati ottenuti sia stato brillantemente confermato!!!) (punto 3)
    Per non parlare di come siamo riusciti a fermare i “vandali pentecostali” (punto 13) e di come siamo riusciti a rilanciare l’immagine di Lignano in regione .Se non sbaglio il Sindaco giusto l’altro giorno si complimentava con le strutture regionali per la particolare attenzione (economica) che la regione riserva a Lignano.
    Adesso non vedo l’ora che arrivi la settimana dello sport (che oramai è diventata UN MUST!!!) (punto 6).
    Hai notato come la “vecchia guardia” è stata messa da parte e come i giovani hanno preso in mano le redini della situazione. Se non sbaglio ormai Cjubei e Brini contano poco o nulla. (punto 2) . Con le abili mosse politiche messe in atto dal nostro Sindaco i due “attempati” amministratori oramai è come se non ci fossero. (<== questa è la più meravigliosa !!!!)
    Gli alberi di via latisana, quelli dell’oasi possono confermarti che quanto scritto al punto 8 è stato AMPLIAMENTE FATTO !!!! (salvaguardia del patrimonio naturalistico del territorio… appunto).
    E l’abusivismo? Scomparso. Non si vede più neppure un abusivo neppure a cercarlo (punto 13). La particolare lotta fatta da questa amministrazione verso questa PIAGA (gli abusivi tolgono il lavoro a chi PAGA LE TASSE !!!!!) è stata a dir poco sbalorditiva.
    Potrei continuare per ore rispetto a quanto fatto da chi fa !!!! Come dirti che le provincie sono state abolite, che non esistono più i rimborsi elettorali, che l’Italia è in PIENA RIPRESA e che il Milan ha una rosa per andare in Champions League!
    A proposito . Voglio lasciarti anch’io con una massima del calibro : c’è chi fa e chi parla…
    L’abito non fa il monaco, ma tiene caldo !!!

    Ecco il link nel quale puoi trovare il programma elettorale. Ti consiglio di dargli una sbirciatina. Il mio amico Abbattantuono direbbe : “… o pebbacco …!!!”

    https://ioamolignano.wordpress.com/elezioni-2012/i-punti-programmatici/

    • Francesco o meglio pino Mugo sei un fenomeno, certo non ti si può dare torto, hai centrato tutti i problemi, è che l’amministrazione attuale non ha centrato il suo programma. Un carissimo saluto. luigi damiani

  7. Ad oggi la pineta è chiusa, la stazione delle corriere non c’è e il Lungomare grida vendetta.

  8. Antonio Falzarano

    Pino Mugo …. Mi fai morire bravo hai scritto delle sante cose .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *