Home / Lignano Sabbiadoro / Nel blog oggi: affitti e contanti; divieto di balneazione; il corso di marketing; Damiani ( Lisagest e altro); Lignano su La Stampa

Nel blog oggi: affitti e contanti; divieto di balneazione; il corso di marketing; Damiani ( Lisagest e altro); Lignano su La Stampa

Siamo su La Stampa

Ecco il link

http://www.lastampa.it/2014/02/06/societa/mare/focus/lignano-sabbia-doro-e-alghe-preziose-FtlBn9785LPN6JhyazTzHP/pagina.html?utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter

Affitti

Nei commenti un intervento di Walter Fadini.

Divieto di balneazione 2014

Come sempre è stata emessa l’ordinanza, le zone sono quelle del Porto di Lignano e delle foci del Tagliamento: vietato fare il bagno. Non mancano i chilometri liberi ovviamente ….

Corso di marketing

Il 19, 26 febbraio e 5 marzo 2014 – 16° corso di marketing turistico organizzato dall’Associazione Culturale “Lignano nel terzo millennio” in collaborazione con la società di consulenza “Teamwork” di Rimini. Ecco come si articolerà il corso nelle tre giornate full immersion: mercoledì 19 febbraio  “Brand reputation, la gestione della propria reputazione”, La reputazione di una struttura online e offline può incidere molto anche sul suo fatturato: le recensioni formano la reputazione e la reputazione incide sulle scelte d’acquisto. E’ possibile trasformare la reputazione in un vantaggio competitivo, capace di migliorare la comunicazione e aumentare il business.

mercoledì 26 febbraio “Vendita e telefono: binomio di sicura efficacia”. Le richieste di prenotazioni telefoniche rappresentano uno strumento di conoscenza del cliente, di presentazione dell’albergo, dei suoi servizi e dunque di persuasione e di vendita. Saper ascoltare il cliente, fare le giuste domande sono capacità indispensabili per chi gestisce una vendita telefonica.

mercoledì 5 marzo; “L’eccellenza nel servizio: la soddisfazione degli ospiti parte da un’ottima accoglienza”. La capacità di accoglienza sono frutto di una combinazione di conoscenza del cliente, degli standard di servizio e delle tecniche comunicative, di osservazione, ascolto e analisi: partecipare al seminario vi aiuterà ad acquisirle.   La nuova formula di un giorno alla settimana rispetto alle tradizionali tre giornate consecutive, è stata pensata per facilitare la frequentazione del corso di marketing turistico a chi già lavora.  Per maggiori informazioni sul corso di marketing turistico  www.lignanonelterzomillennio.it. Vi aspettiamo! Cordiali saluti Associazione “Lignano nel terzo millennio”  Giorgio Ardito

LISAGEST di Luigi Damiani

Si è riunito il CDA della Lisagest. La riunione ha avuto momenti incandescenti dovuti a divergenti punti di vista  tra alcuni componenti del CDA in modo particolare sulla gestione e l’operatività della Terrazza a Mare. La riunione è stata sospesa dal Presidente e rinviata a data da destinarsi. Luigi Damiani

MATERIALI SPIAGGIATI di Luigi Damiani

Un periodo così lungo di brutto tempo  con condizioni metereologiche avverse non si vedeva da molto tempo. Mareggiate che hanno eroso la spiaggia in modo particolare nella zona di Punta Faro a Lignano  Sabbiadoro e a Pineta e il conseguente spiaggiamento di detriti provenienti dai fiumi. Ma c’è chi sta peggio di Lignano. Il sindaco di Jesolo , Zoggia (a completamento dell’articolo di ieri) in una intervista rilasciata a una testata nazionale ha dichiarato che l’ammontare dei materiali sulla spiaggia  provenienti in gran parte dal fiume Piave supera i 200 mila metri cubi, e che l’ammontare del costo dello smaltimento come materiali speciali ammonta a circa 3 milioni e mezzo di euro. Da qui la richiesta del sindaco di Jesolo , Zoggia, al governo in quanto intervenga contribuendo alla spesa, in quanto andrebbe ad incidere pesantemente sulle casse comunali con la conseguenza di  dover aumentare la tassazione locale. Inoltre chiede che sia lasciato libero accesso e prelievo dalla spiaggia dei materiali legnosi da parte della popolazione. Questo andrebbe a diminuire i costi di smaltimento e ridurrebbe anche le spese di riscaldamento per i nuclei famigliari che usano la legna per riscaldarsi.

PENTECOSTE – BRINI di Luigi Damiani

La proposta dell’assessore  al turismo Brini  in commissione turismo su come comportarsi a Pentecoste per contenere i “pseudo” turisti è sfociata nell’idea di creare un evento all’interno della Beach Arena per contenere in un unico luogo questi giovani che vengono a Lignano per divertirsi in modo smodato, ubriacandosi, creando danni oltre che nel paese e anche sull’arenile. Credo che questa scelta non porti a nulla di positivo in quanto il concentrare una gran parte di questi personaggi in un unico luogo può essere pericoloso , in quanto basta una rissa tra pochi per scatenare una gigantesca bagarre, anche se sorvegliata dalle forze dell’ordine. Inoltre che tipo di evento creare per accontentare ed interessare questi giovani baldanzosi? Se  si crea un evento con un concerto metal-hard rock etc va a finire che diventa un rave party, con alcool e droga etc, se invece si crea un concerto più soft nessuno ci va in quanto poco interessati, perchè il venire a Lignano per Pentecoste è sinonimo di sballo, quindi anche in questo caso non è una scelta facile. Inoltre qualsiasi sia il tipo di concerto questo in primis non raggruppa tutti e quindi comunque le strade di Lignano sarebbero frequentate anche nel periodo del concerto da migliaia di persone anche perchè all’interno dell’Arena Beach stanno al massimo 4.500 persone tra spalti e parterre. Se si pensa che il concerto serva ad arginare la situazione questa è una pura illusione. Inoltre và detto che il concerto può durare al massimo 3 ore, e nelle ore antecedenti e successive al concerto ci sarà comunque l’invasione per le strade di Lignano. Al di la di concerto si, concerto no, si deve lavorare sull’aspetto prevenzione, vigilanza e sicurezza. Questo è l’unico aspetto che non va sottovalutato e che deve essere implementato da forze dell’ordine provenienti da tutta la regione, visto che non c’è la possibilità di avere una presenza di polizia austriaca a supporto, come ha dichiarato il sindaco. L’ho già scritto in passato, polizia italiana presente all’oktoberfest di Monaco, perchè no polizia austriaca a Lignano per Pentecoste? E’ stato fatto tutto quello che si poteva fare nel senso di richieste alle autorità competenti? C’è ancora un pò di tempo per analizzare la situazione e prendere provvedimenti adeguati, l’importante è prendere delle decisioni giuste per tutelare sia i giovani baldanzosi turisti pentecostiani, ma soprattutto i lignanesi, i loro esercizi commerciali e le attrezzature della spiaggia. Luigi Damiani

Guarda anche

CECILIA SCERBANENCO DA MILANO A LIGNANO SABBIADORO

Traduttrice, laureata in filosofia medievale, figlia di Giorgio Scerbanenco scrittore e giornalista che non ha …

4 commenti

  1. Alessio Carlino

    Se il problema a Pentecoste è l’alcool, sia perché ci sono troppe persone che ne abusano sia perché ci sono esercizi che vendono alcolici anche a coloro che sono già in stati pietosi, in barba alle norme che vietano di somministrare alcolici agli ubriachi, se come diciamo tutti questo è un bel problema allora una bella ordinanza che vieta mel territorio comunale la vendita di alcolici. E che saranno mai due giorni senza bacco. Ripeto se è veramente un problema. Se invece non lo è allora #andiamoavanticosì

  2. riccardo poleselli

    A lignano non avete Alba di come gestire le persone.date retta ancora a questo brini invece di avere persone competenti in materia.

  3. Ai lavori della Commissione Turismo con tema la Pentecoste ho partecipato anch’io, non ero favorevole alla decisione presa, penso non sia la soluzione, ma voglio coglierne comunque la parte positiva. Innanzitutto è la prima volta che la questione viene posta in maniera seria, si è aperta una discussione e si è arrivati ad una decisione. Le conseguenze della stessa saranno valutate al termine della festività, se ha funzionato ok, se è andata male si cambia, sperando logicamente non ci siano stati disastri irreparabili. Qualche hanno fa al GOAL arrivò la proposta di un “faccendiere” romano che ci propspettò una manifestazione con dei pony cavalcati da bambini che avrebbe dovuto portare a Lignano alcune migliaia di persone all’inzio stagione. Dopo alcune discussioni si deliberò che poteva essere un’opportunità e si stanziarono alcune decine di migliaia di Euro per l’organizzazione della mainifestazione. Fu un flop totale, ma l’avevamo decisa insieme tutti quanti ed invece che cercare il colpevole e fare le accurse di rito, ci si guardò in faccia, si fece mea culpa e si ripropose di stare molto più attenti alle prposte da valiare in futuro. Secondo me è lo atteggiamento da tenere in questa occasione, anche perchè l’idea non è di Brini solo, ma è il risultato della discussione dove la maggior parte dei presenti ha propeso per questa soluzione, dove molti hanno dimostrato un certo timore nel prendere decisioni più drastiche, dove alcuni non hanno dato molta rilevanza al problema, dove cìè stato anche chi ha dichiarato apertamente che la perdita di “questa” Pentecoste sarebbe un danno economico e di immagine per la località. Ognuno ha la propria idea e la propria soluzione, come si evince anche dai molti commenti che si trovano in rete ( qualcuno anche in sintonia con la scelta presa), anche la mia, ripeto, era diversa, ma voglio sperare che l’esito della manifestazione serva come esperienza per porne eventualmente le dovute correzioni e non per scatenare solito il tutto contro tutti, perchè questo è sicuro, a Lignano non ne avremmo proprio bisogno. Luigi Sutto

  4. Thomas Pozzatello

    Mi sembra giusto chiarire delle cose per chi evidentemente non è esperto. Un concerto/festival metal non è un rave party, anzi probabilmente ne è il contrario. Se si conosce il metal, si sa che è un ambiente dove scorre birra a fiumi e al massimo della droga leggera, non certo droghe sintetiche o pesanti. Al contrario di quello che si può pensare, la gente che ascolta il metal non è assolutamente rissosa. In un concerto metal non servono posti a sedere, nessuno ha intenzione di sedersi; sarebbe meglio farlo in un grande spiazzo (parcheggio?) che alla Beach Arena. La musica metal è un prodotto di nicchia, potrebbe attirare solo una parte di quei ragazzini; la maggior parte ne sarebbe disinteressata. Inoltre se si vuole trattenere la gente lì per più di due ore, bisognerebbe organizzare una line up di diversi gruppi dei quali almeno uno importante, e trasformare la giornata in un festival, con le conseguenti difficoltà di organizzazione. Mettere forse dei DJ e fare una discoteca all’aperto sarebbe secondo me molto più logico, semplice e di successo, e lo dico contro i miei interessi perchè un bel concerto metal a Lignano me lo sarei visto volentieri. Tenete l’idea per i bikers, in quell’occasione sicuramente avrebbe maggior successo, visto che sono i metallari per eccellenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *