Home / Lignano Sabbiadoro / Venerdì: le slide del mistero; La Lisagest assume; 354 e multe; Sanità nella Bassa; Consiglio Comunale; Lisagest

Venerdì: le slide del mistero; La Lisagest assume; 354 e multe; Sanità nella Bassa; Consiglio Comunale; Lisagest

Lisagest

Il Comune di Latisana, al pari di altri comuni della Bassa, ha deciso di uscire dalla Lisagest e Benigno ha avuto parole molto dure nei confronti della società lignanese rea, a suo dire, di non aver per nulla considerato le istanze del territorio alle spalle di Lignano.

Sanità nella Bassa

Vedi www.latisana.it

354 e multe

Vedi www.latisana.it

Le slide del mistero

Lega Nord Lignano Sabbiadoro – Codromaz Alessio; comunicato stampa: “impossibile visionare slides usate al Centro Civico”

A seguito dell’Assemblea Pubblica avvenuta in data lunedì 16 marzo 2015 indetta dall’Amministrazione Comunale, lo scrivente, attraverso una PEC spedita in data 20/03/2015, faceva richiesta delle slides proiettate per poterle esaminare con cura, ed analizzare perché alcuni dati sembrano quantomeno discutibili.

Il Sindaco in data 23/03/2015, anticipava via email il diniego che poi giungeva attraverso la posta tradizionale, in quanto “non sono né un atto né un documento amministrativo”.

Il Capogruppo della Lega Nord di Lignano Sabbiadoro con il presente comunicato stampa intende esprimere la propria perplessità sulla situazione venutasi a creare, considerando che:

  1. a) la serata al Centro Civico è stata un’iniziativa organizzata dall’ A.C.;
  2. b) la sala è stata prenotata attraverso l’ufficio di staff del Sindaco;
  3. c) durante l’esposizione vi era un dipendente dello staff che coadiuvava il Sindaco con le Slides; (a riguardo il Sindaco dichiarava che il dipendente era al di fuori del lavoro e non in straordinario, anche se risulta difficile ipotizzare che nessun dipendente del Comune abbiamo “lavorato” sulle slides);
  4. d) per la proiezione è stato un utilizzato un computer del centro civico, come si può ben vedere dalle foto presenti sul sito istituzionale.

In conclusione possiamo affermare che la trasparenza dell’attività amministrativa tanto decantata in campagna elettorale ed il coinvolgimento della popolazione sono ben lungi da essere applicati. Il comportamento del nostro Sindaco che prima mostra e poi nasconde le diapositive risulta anacronistico e non rispettoso del suo programma elettorale. Non si riesce a capire quale sia il vero motivo del diniego, qualora le slides fossero create con dati veritieri crediamo che non vi sia alcun problema a renderle pubbliche, probabilmente le stesse analizzate con più calma potrebbero anche rivelare una serie di inesattezze (eufemismo). Rimaniamo fiduciosi in attesa di un ravvedimento del Sindaco.

La Lisagest assume

Bando di Assunzione N. 05 Del 25/03/2015 – Assunzione N°5 Animatori Mini Club Quarto Livello Ccnl Turismo. E’ indetta una selezione per l’assunzione di nr. 5 (cinque) figure di animatore turistico – animatore mini club – quarto livello ccnl turismo – a tempo pieno ed a tempo determinato dal 25 maggio 2015 al 6 settembre 2015 con il seguente trattamento economico: retribuzione lorda mensile comprensiva di ogni istituto contrattuale di € 2.019,00.=. Info in Lisagest.

Consiglio Comunale

Dopo l’Assemblea Pubblica di lunedì sera, a Lignano anche il Consiglio Comunale si occuperà di UTI; ecco l’ordine del giorno:

MARTEDI’ 31 MARZO 2015 ALLE ORE 19:00 1. Comunicazioni del Sindaco; 2. Richiesta di convocazione straordinaria ed urgente del Consiglio Comunale presentata dai Consiglieri comunali Carlo Teghil, Marco Donà, Giovanni Iermano, Silvano Delzotto, Vittorino Petiziol, del gruppo consiliare del Popolo della Libertà e Alessio Codromaz Capogruppo della Lega Nord avente ad oggetto l’ordinamento delle Unioni Territoriali Intercomunali;

  1. Approvazione verbali dal n° 10 al n° 18 della seduta del Consiglio Comunale del 19.02.2015; 4. Comunicazione ai sensi dell’art. 166 – II° comma del D.lgs. n° 267/2000 di prelevamento dal Fondo di Riserva della deliberazione giuntale n° 32 del 06.03.2015; 5. Ratifica deliberazione della Giunta comunale n° 37 del 20.03.2015 avente ad oggetto “Variazione Servizi per conto di terzi in esercizio provvisorio – Variazione n° 03/2015”; 6. Variante n° 49 – Approvazione variante non sostanziale al PRGC – art. 63 c. 5 lett. a) della L.R. 5/2007 e art. 17 lett. A) e E) del D.P.Reg. 86/2008; 7. Nomina Collegio dei Revisori dei Conti periodo 2015/2018.

nota del Cocal: Si registra a Lignano molta voglia di indipendenza, ovvero di non aderire all’Unione Territoriale Intercomunale con Latisana e altri. Questa scelta (giudico difficilmente applicabile l’UTI con Grado e solo utopica quella con Bibione), comporterebbe una diminuzione dei trasferimenti da parte della Regione compensabili eventualmente anche con l’applicazione della Tassa di Soggiorno. Vedremo se Lignano seguirà la Giunta Serracchiani ( di centro sinistra come il governo Renzi) o deciderà diversamente. Sarà curioso vedere come voterà Ciubej.

ORDINANZA NO ALCOOL di Luigi Damiani

Il Sindaco di Jesolo Zoggia in accordo con l’amministrazione comunale ha emesso una ordinanza che nel periodo pasquale non possono essere bevuti alcolici per strada, in spiaggia e luoghi pubblici, in quanto prevista una grande affluenza di giovani. Gli alcolici potranno essere somministrati e bevuti solo nelle aree di competenza degli esercizi pubblici. La vendita nei supermercati e alimentari è concessa ma gli alcolici devono essere portati chiusi fino a casa. Questa ordinanza di Jesolo ha come obiettivo il fatto di non avere per strada gente che beve alcolici o peggio si ubriaca. Inoltre per chi non osserva l’ordinanza è prevista una denuncia penale alla Procura. Questo potrebbe essere un esempio da attuare anche nel periodo di Pentecoste a Lignano. L’anno scorso per pentecoste l’amministrazione comunale di Lignano emesse una ordinanza simile che però non venne pubblicizzata e quindi non ottenne l’effetto desiderato. Infatti si verificarono fatti e scene poco edificanti che vennero riprese sia dalla stampa italiana che da quella estera oltre che dai vari social. A Pentecoste ormai manca circa un mese e mezzo e quindi sarebbe utile e necessario che venisse fatta una ordinanza comunale sulla falsa riga di Jesolo per arginare il problema.. A Lignano si parla molto di spiaggia “FAMILY” e si investe anche molto in termini di comunicazione in questo senso, quindi se vogliamo che le famiglie in particolare quelle austriache si godano il periodo pentecostiano in tranquillità dobbiamo cercare di tutelarle arginando fatti incresciosi come quelli accaduti l’anno scorso nel periodo pentecostiano. Sappiamo tutti che i giovani arrivano a Lignano nel periodo di Pentecoste per divertirsi in maniera a volte smodata arrivando fino alla ubriacatura , però si possono trovare misure se non per risolvere almeno per arginare il problema. Sembra che quest’anno ci possano essere anche gendarmi-poliziotti austriaci che sul territorio collaboreranno con le forze dell’ordine locali. Questo potrebbe essere senz’altro una azione di prevenzione e controllo, che potrebbe dare buoni risultati in termini di ordine pubblico. Luigi Damiani

UTI SI-UTI NO!!!!! di Luigi Damiani

Come già detto, lunedì 30 alle 20.30 presso il Centro Civico di Via Treviso a Lignano si svolgerà una assemblea pubblica indetta dall’amministrazione comunale per discutere sulle UTI Unioni territoriali intercomunali. Per prima cosa speriamo che dopo l’esposizione del Sindaco venga lasciata alla platea dei presenti un tempo sufficiente per il dibattito, le domande e le eventuali proposte. Personalmente rimango dell’idea che i comuni a vocazione turistica devono rimanere fuori dalle UTI, in quanto comuni come Grado e Lignano hanno esigenze territoriali completamente diverse rispetto ai comuni dell’entroterra. Certo che un taglio dei contributi regionali pari al 30% potrebbero essere fortemente penalizzanti per la gestione del comune. Comunque si possono trovare strade alternative o eventuali proposte da portare in discussione in Regione. La UTI invece che accomuni Lignano e Grado la ritengo improponibile in quanto ci sono molteplici aspetti contrastanti, in primis la non contiguità territoriale. La UTI con Latisana e altri comuni, sembra che la gran parte dei lignanesi la rifiutino, da ricordare che Lignano nel 1959 è diventato comune autonomo staccandosi proprio da Latisana. Per molti essere in una UTI con Latisana comune capofila questo vorrebbe dire tornare indietro di 55 anni. La situazione certamente non è facile da affrontare, ma sembra che l’unica strada sia quella di rimanere fuori dalle UTI. Anche altri comuni hanno fatto osservazioni in merito alla Regione per rimanere fuori dalle UTI come ad esempio Gemona con il Sindaco Urbani. Vedremo lunedì quale sarà la reazione dei lignanesi in assemblea. Prevista una buona affluenza vista l’importanza della materia da discutere. Luigi Damiani

Guarda anche

CECILIA SCERBANENCO DA MILANO A LIGNANO SABBIADORO

Traduttrice, laureata in filosofia medievale, figlia di Giorgio Scerbanenco scrittore e giornalista che non ha …

3 commenti

  1. Alessio, ma ho capito bene? Hai chiesto di avere una copia delle slide che il Sindaco ha presentato nell’assemblea (assemblea è una parola grossa) del 16 marzo 2015? L’altro giorno mi pareva di avere visto un qualcosa di simile sul tuo profilo, di quegli stramaledettissimi “social”, ma ho pensato (visto che sono un tipo non troppo sveglio) di essermi sbagliato e ho lasciato perdere. Però adesso, qui, c’è la conferma!

    Alessio, sei proprio preso male se non hai nulla di meglio da leggere. Se vuoi posso darti una mano. Tutta roba in linea quanto sopra e con i miei interessi culturali e ricreativi (SIA BEN CHIARO!!!): la Pimpa, le avventure dell’uomo ragno, l’album delle Figurine Panini, Topogigio, le slide di come Renzi ha eliminato le province. Se il Sindaco non vuole darti le slide, Alessio, fattene una ragione. Passa da me quando vuoi, che ti impresto io qualcosa.

    In fin dei conti quello che c’è scritto dentro quelle slide non è “roba per tutti”. Hai presente i segreti di Fatima, i Rotoli del Mar Morto, Il Codice Voynich, Necronomicom? Ecco, io penso che ad oggi, si possa aggiungere a questa serie di scritture impenetrabili e misteriose pure “le Slide dell’Assemblea del Sindaco di Lignano”.
    Staranno pensando di presentarle alla prossima edizione della filologica “furlana”.
    Deve essere proprio così, non c’è altra spiegazione. Perchè non è molto brillante “propagandare” i propri risultati in un documento, e negare l’accesso a tale documento (negando di conseguenza l’ulteriore “propagandare” dei propri risultati). Sarebbe come se Pam/Lidl/Despar facessero i volantini pubblicitari e proibissero alla gente di leggerli e portarseli a casa.

    Se invece il tuo desiderio di avere le slide deriva dalla necessità di verificare se i dati presenti sono coerenti con la realta, allora anche per questo motivo penso che sia fatica sprecata. Perchè?

    Perchè gli unici numeri che “CANTANO” (come ci suggeriva l’altro giorno un sofisticato e sagace commentatore) VERAMENTE sono quelli che HANNO MESSO il SINDACO IN MINORANZA nella Lista politica/associazione culturale (???) “IO AMO LIGNANO” che lo ha candidato e sostenuto alle ultime elezioni.

    I NUMERI/RISULTATI che il Sindaco & C. ha ottenuto nei suoi 3 anni di “governo” sono talmente PRODIGIOSI che gli hanno tolto PURE l’appoggio/maggiornza/FIDUCIA/le aspettative di chi lo ha candidato e sostenuto alle ultime elezioni. (più di questo cosa ti serve!!!!).
    Fatti dare dal nuovo presidente dell’associazione (Trabalza) i dati della votazione dell’altro giorno. Bastano quelli per capire …… come “CANTANO I NUMERI”.

    Ciao e sei hai bisogno di qualche lettura fammi sapere. (la Pimpa non te la posso dare perchè la sta leggendo mio figlio … fattene una ragione pure per questo).

    Milan Francesco

  2. Codromaz Alessio

    Brillante analisi Pino, non riesco a capire quale sia il timore a rendere pubbliche slides “inconfutabili”. Il nostro Sindaco mi ha invitato a recarmi presso gli uffici per chiedere personalmente i dati, ma le slides a mio avviso sono importanti. Sulle slides potrebbe aver scritto 100, mentre se gli uffici mi dicono 70 non ho la riprova della slide “sbagliata”. Comunque me ne farò una ragione, come dici te, certo io la penso diversamente dal nostro Sindaco, la sala è stata prenotata dal Comune i dati proiettati son atti del comune e come consigliere dovrei avere accesso illimitato. Tutto sarebbe stato diverso se il Sindaco avesse prenotato la sala a nome suo o di una lista collegata ( come abbiamo fatto con la riunione della coalizione di centrodestra) e pagato di tasca propria, in quel caso non avrei potuto formulare alcuna richiesta.
    Buona giornata

  3. robe da matti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *